| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Martedì 21 Agosto 2018




Targhe ad operatori 118 che sventarono suicidio di una ragazza

targhe operatori 118 25 luglio 2018Il medico Ferdinando Catuogno, l’infermiera Anna Lombardo e l’autista soccorritore Giosué Perna, operatori del 118, hanno ricevuto, dal Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Rosa D’Amelio, il riconoscimento ufficiale per l’intervento compiuto a Napoli, il 23 maggio scorso, quando sventarono il suicidio di una ragazza da uno dei cavalcavia a ridosso del Centro direzionale e del carcere di Poggioreale.

 “Il nostro riconoscimento ha un valore fortemente simbolico perché intende sottolineare il grande valore del lavoro svolto dai medici e dagli operatori del 118 che, quotidianamente, salvano tante vite in condizioni molto difficili, e, in generale, del lavoro del personale sanitario e volontario del sistema sanitario regionale che sta compiendo uno sforzo enorme per tutelare il diritto alla salute, in una regione nella quale la sanità è commissariata con tutte le conseguenze negative che ciò comporta in termini di tagli di risorse e di personale – ha sottolineato la Presidente D’Amelio – ricordando che – la Regione ha avanzato formale richiesta di uscita dal commissariamento e l’auspicio è che essa venga accolta per ripristinare i poteri e le risorse ordinarie e necessarie”.

“Il servizio 118 svolge un ruolo di salvataggio di vite umane quotidiano ed in condizioni molto difficili – ha sottolineato il capogruppo regionale di “Campania Libera, Psi, Davvero Verdi”, Francesco Emilio Borrelli – con ambulanze che non riescono a transitare in alcuni quartieri, come Forcella e i quartieri Spagnoli, e personale che viene aggredito dai familiari dei pazienti proprio nel mentre si svolgono le operazioni di soccorso. Gli operatori del 118 svolgono una funzione di primaria importanza in condizioni di totale abnegazione ed è per questo che ho promosso questa iniziativa simbolica con l’auspicio che si colga ogni occasione utile per valorizzare questo immenso patrimonio di cui si dispone la Regione Campania”.