| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Giovedì 9 Aprile 2020




da New York

Neapolitan pizza

L’ultima volta che ho mangiato pizza a New York è stato una settimana fa e l’ho preparata con le mie mani: bianca con mozzarella vegana e carciofini. Squisita. Quando vengono i miei amici a casa, mi chiedono sempre di preparargliela. A volte la ordino, e dopo vari “assaggi”, ormai la mia pizza al taglio preferita, da mangiare a casa è quella di “Mama’s Too” nemmeno un’inflessione napoletana nel nome, ma tanto sapore partenopeo nella fetta, sempre ben cotta e davvero squisita.

A New York, insomma, trovare una buona pizza non è affatto difficile; dopo Napoli, dicono le cifre, questa è la città con la più alta offerta di un prodotto ottimo e cucinato nel pieno rispetto della tradizione, forno a legna incluso. Personalmente, amo anche la tipica “pie”, cioè quella pizza gigante come si vede nei film, che puoi comprare a fette per strada, come la più classica “pizza da passeggio”. Che nessuno pretende di paragonare a quelle nostrane e che ha variazioni famose come quella di Chicago, con il bordo ripieno di mozzarella.

La ragione principale per cui a New York, più che in altre città, tutto il cibo del mondo è presente con poche sofisticazioni e restando molto fedele all’originale, è perché qui, per fortuna, ci sono milioni di immigrati che costituiscono l’anima della città.

Quando ho partecipato alla trasmissione della Nove, Little Big Italy (https://it.dplay.com/nove/little-big-italy/), dunque, non avevo dubbi che sarebbe stata una gara combattuta e che la lista di pizzerie avrebbe potuto essere molto più lunga. Spesso si sceglie un locale nel proprio quartiere per evitare spostamenti che a volte richiedono anche un’ora e questo, sempre a conferma che, trovare una buona pizza a New York, è più facile che trovare un taxi nell’ora di punta in un giorno di pioggia.

pizza 2068272 960 720Da un lato, sebbene raramente frequenti ristoranti italiani quando esco (mi piace provare altri tipi di cucina), la cosa mi ha riempito di orgoglio perché, peraltro, le tre pizzerie scelte, tutte con un’ottima qualità di prodotti, hanno mostrato delle belle storie umane e anche la complessità della città che è stata la mia casa prima di New York.

Leggi tutto...

Gli Oscar e il racconto di una società complessa

oscar2020Insomma ci voleva l’Oscar per far commuovere Brad Pitt, sopravvissuto al matrimonio con Angelina Jolie, all’abuso di alcol e alla sua eterna bellezza da ragazzino da fotoromanzo, ora finalmente uomo sexy e con qualche ruga. Ci voleva l’Oscar per far inceppare la voce a Joaquin Phoenix, mentre ricorda suo fratello River, morto a 23 anni per un’ overdose: bello e dannato, come nella più abusata delle dicotomie hollywoodiane. Ci voleva l’Oscar per consacrare René Zellweger, che tanto abbiamo amato quando era l’imperfetta, geniale, goffa e straordinaria Bridget Jones, come la più noiosa degli oratori, così noiosa che mentre lei ringrazia, non si capisce bene chi, ti viene voglia di guardare un po’ dell’Amica Geniale, che della noia fa il suo inno.

Leggi tutto...

Napoletani negli Usa: Elena Irollo e l’associazione Pi-Philly

Elena IrolloElena Irollo, napoletana, ha 35 anni, e da due vive a Philadelphia; qui lavora come ricercatore associato alla Drexel University dove è arrivata dopo un dottorato in Biologia di  4 anni in Germania (luogo che ama profondamente) e la “scoperta” che si possono ricevere stipendi adeguati al proprio lavoro. La sua storia, tuttavia, nasce da una “rinuncia”, quella della festa per i 18 anni in grande stile e la proposta di sua madre di investire in un viaggio, da sola, negli USA: l’inizio di un amore che avrebbe guidato tutti gli anni successivi.

Leggi tutto...

Jon Bon Jovi e la sua cucina dell’anima

jbj kitchen1Di Angela Vitaliano

Il 22 gennaio, prima che lo spirito delle vacanze abbia completamente abbandonato la scena, per fare spazio al primo anno di un nuovo decennio di questo Duemila, Jon Bon Jovi, aprirà il suo terzo ristorante, “JBJ Soul Kitchen”, all’interno del campus della Rutgers University, nel New Jersey.

Leggi tutto...

New York e l’anno che verrà

new york 1587558 1920di Angela Vitaliano

Sotto i fiocchi leggeri di una nevicata pre natalizia, mercoledì 11, le cifre dell’anno che verrà, il 2020, sono arrivate a Times Square, per entrare a far parte, ufficialmente, dell’allestimento del Capodanno più famoso al mondo.

Leggi tutto...

Natale a New York tra luci, svago e solidarietà

rfcMercoledì 4 dicembre le luci dell’albero del Rockfeller Center, dopo uno spettacolo di musica e canzoni davvero meraviglioso, si sono illuminate per l’ottantasettesima volta, suscitando la stessa emozione e lo stesso entusiasmo di sempre.

Leggi tutto...

Il Thanksgiving Day, quando l’America si ritrova a tavola

1 copertina giorno del ringraziamento nyC’è un solo giorno in cui l’America si ferma, quasi del tutto, almeno per poche ore, per ritrovarsi in case piene di profumo di cibo, amici che arrivano, familiari che affrontano chilometri per non mancare all’appuntamento. Quel giorno, a differenza che in Italia, dove potremmo identificarlo con il Natale, qui è il Thanksgiving Day, il Ringraziamento che cade, per tradizione il quarto giovedì del mese di novembre e dà ufficialmente inizio al periodo delle feste.

Leggi tutto...

Il Presepe napoletano a New York

Presepe napoletanoPer quasi vent’anni, la pittrice e collezionista Loretta Hines Howard, scomparsa nel 1982 a New York, varcò quotidianamente la soglia del Metropolitan Museum sulla Quinta Strada e, con un’attenzione maniacale, si preoccupò di realizzare l’allestimento delle decorazioni natalizie dell’albero del museo, aggiustando gli abiti di seta dei pastori e curando ogni più piccolo dettaglio.

Leggi tutto...

Il Chrysler, l’Empire e la guerra dei grattacieli

grattacieli copertinaA New York, si sa, quando cammini, devi guardare verso l’alto, così da non perderti le cime degli spettacolari grattacieli che, da oltre un secolo, ne caratterizzano l’architettura e ne definiscono lo skyline, sempre e, probabilmente, per sempre, il più iconico al mondo.

Leggi tutto...

Meryl Streep, Robert De Niro e gli altri: l’italiano si studia negli Usa

da New York Angela Vitaliano

StreepKobe Bryant che parla italiano? Il fatto che l’ex stella dei Los Angeles Lakers sappia esprimersi correntemente nella nostra lingua potrebbe risultare come una novità per molti, soprattutto perché il suo modo di parlare rivela chiaramente uno studio approfondito della nostra grammatica e delle sue regole.

Leggi tutto...

Storie di emigranti - Il gelato alcolico a New York nasce nel Regno di Napoli

typsy scoop limoncellidi Angela Vitaliano

“I miei antenati, italiani, hanno portato la tradizione del gelato in Scozia, durante il 1800. A cominciare tutto, fu il mio bis bis bis nonno, Achille, che lasciò la sua città natale, localizzata sulla cima di una montagna, Picinisco, piccolo centro del Regno di Napoli”. Nasce così la storia di “Tipsy Scoop” una delle gelaterie (e marche di gelato) più innovative, apprezzate e “cool” di New York. Il segreto? Gelato e sorbetto “all’italiana”, miscelati con ogni tipo (o quasi) di liquore e birra, per un risultato davvero unico e squisito.

Leggi tutto...

San Gennaro International, tra cannoli e mafia

SAN GENNARO NEW YORKda New York Angela Vitaliano

San Gennaro, patrono di Napoli, potrebbe, senza dubbio, vantare la sua internazionalità visto che, a migliaia di chilometri di distanza, precisamente a New York, le celebrazioni che lo riguardano non hanno nulla da invidiare a quelle organizzate nel capoluogo partenopeo. Da 93 anni, infatti, nel cuore di quella che un tempo era “Little Italy”, oggi per lo più China Town, tranne appunto un tratto di Mulberry Street, si organizza la più antica “festa di strada” con bancarelle, musica e tanto (ma proprio tanto) cibo. L’occasione è proprio l’onomastico del santo che qui gode, come dicevamo, di una popolarità che fa concorrenza a quella di San Patrizio che, però può contare, per mantenere la sua fama, su una delle chiese più belle e importanti della città, proprio sulla Quinta Strada, poco distante dal Rockfeller Centre.

Leggi tutto...

I Brooklyn Italians e il calcio che unì i due mondi

foto copertina emigrazione

da New York Angela Vitaliano

C’è un film, tratto dall’omonimo libro di Colm Tóibín, “Brooklyn”, che delinea, in maniera struggente, il racconto dell’emigrazione irlandese verso gli Stati Uniti attraverso la vicenda di una giovane donna, Ellis, che arriva a New York da sola, spezzata in due dalla malinconia per la sua terra e la sua famiglia.

Leggi tutto...

Storie di emigranti napoletani: il sogno americano di Scolastica


valigieLa prima tappa fu l’Egitto: lasciarsi Napoli alle spalle, agli inizi del 1900, non fu cosa semplice per la famiglia Migliucci, ma la prospettiva di una vita migliore era esattamente uguale a quella che spinge, ancora oggi, ogni migrante a lasciarsi tutto alle spalle, a separarsi dagli affetti piu’ cari e, spesso, troppo spesso, persino a rischiare la vita.

Leggi tutto...

Eroina a Penn Station: quando l’american dream muore a New York

penn staionQuando il 2 febbraio del 2014, Philip Seymour Hoffman, lo straordinario interprete di “Capote”, ruolo che gli valse un Oscar come migliore attore nel 2005, fu trovato morto nel suo appartamento per un’overdose di eroina e cocaina, la discussione sull’escalation del consumo di stupefacenti smise di essere un fatto saltuario.

Leggi tutto...

Burkini: da New York storie di civiltà

tumblr mtuy3rmxJb1sb5bkvo1 640La spiaggia o la piscina possono diventare, si sa, luoghi in cui le molestie sessuali, che siano agite attraverso sguardi insistenti o apprezzamenti verbali, sono spesso all’ordine del giorno.

Leggi tutto...

Senza tetto e con un diploma: quando la scuola diventa il luogo dei miracoli

di Angela Vitaliano

IMG 5218Alexus Lawrence ha tenuto la testa alta, nonostante gli occhi lucidi, durante tutta la cerimonia per il conferimento dei diplomi di scuola superiore: e quello è stato il primo traguardo per lei che, per mesi, ha camminato a testa bassa vergognandosi della sua condizione di “senza tetto”. Il secondo è stato quello di aver vinto una borsa di studio di 2000 dollari, come riconoscimento per il suo impegno e per i risultati ottenuti: l’anno prossimo, sfidando ogni previsione, potrà proseguire i suoi studi presso il Brooklyn College per realizzare il suo sogno di diventare una pediatra. “Non credevo ai miracoli - ha detto durante il suo discorso di fronte a una platea entusiasta - finche non sono arrivata qui”.

Leggi tutto...

agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
napoliclick
amicar 500

Archivio Napoli Città Sociale