| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 21 Agosto 2019




Torna Vincenzo Messina con Nunzio tra testa e cuore

Vincenzo MessinaL’avevamo vista bambino ribelle in Upas. Vincenzo Messina, nato a Scafati poco più di vent’anni fa sotto il segno del Leone, sarebbe dovuto essere solo una guest star nella serie ma il pubblico si era talmente affezionato a lui e al personaggio di Nunzio Cammarota che, dal 2009 è rimasto poi sul set per un bel po’. Ci torna da giovanotto innamorato, cresciuto e con l’inconfondibile chioma riccioluta e nera.

Dov’è stato nel frattempo, il suo Nuncio?

In Sicilia dove, a causa di una situazione che si era creata con il nonno (Antonio Pennarella) è stato costretto ad andare via per cercare di creare una nuova vita senza “guai”.

Com’è per lei riprendere i panni di Nunzio e tornare sul set della fiction più famosa d’Italia?

È grandioso, lavoro a Napoli ed è stupendo! Per me è una famiglia, sono cresciuto con loro ed interpretare Nunzio che è un personaggio molto complesso e diverso da me è sempre stata una bella sfida.

Cosa dobbiamo aspettarci da questo Nunzio ormai giovane uomo? È una testa calda com’era da bambino o il ragazzo assennato e con progetti per il futuro che abbiamo visto in queste ultime puntate?

Nunzio ha molte sfumature anche se può sembrare un ragazzo maturo, e lo è in fin dei conti, ha sempre quei momenti no che lo portano a fare di testa sua e a stare contro tutti e tutto sbagliando anche ovviamente.

Nunzio assomiglia un po’ a Franco: anche lui poteva finire male e invece ha deciso di cambiare rotta. E anche lui combatte contro i pregiudizi. Quanto sente propria questa lotta per la verità?

Purtroppo nel mondo i pregiudizi ci sono ed è una verità che cerchiamo di combattere tutti i giorni! Tutti li hanno anche io, e una storia come la mia arriva al pubblico perché moltissime coppie sono state nella situazione di Nunzio e Chiara! Il nostro lavoro è questo descrivere la verità quanto più possibile e cercare di dare delle alternative.

Tanti ragazzi si identificano in personaggi come quello di Nunzio. Lei quali valori vuole trasmettere al pubblico dei più giovani?

Beh sicuramente quella che la vita ci offre tante strade! E se si nasce in un quartiere povero non è detto che tu faccia il delinquente. Bisogna usare la testa ed avere un punto di riferimento, nel caso di Nunzio, Franco ha fatto di tutto per tirarlo fuori dai guai.

Ci dica qualcosa di lei: chi è Vincenzo Messina, come mai fa l’attore e come si trova sul set di Upas? Quali sono i suoi sogni e i suoi programmi per il futuro?

Vincenzo è un ragazzo come tanti che cerca ogni giorno di combattere la routine di questa vita! Mi piace cambiare e viaggiare tanto. Ho iniziato a 6 anni con un corso di recitazione, facevo provini e venivo preso e cosi ho continuato. Avevo 11 anni quando feci il provino per Upas, ne feci tre poi la chiamata! Ero stato preso. Per il futuro voglio fare questo e sto studiando per far sì che si avveri! Fare l'attore è come fare qualsiasi altro mestiere quindi lo studio è importante, mi piacerebbe fare anche corsi in America poi l'anno prossimo si vedrà

C’è qualche collega con cui ha legato particolarmente sul set?

Diciamo che ho legato con tutti! Particolarmente con Peppe Zarbo, per me lui è un amico vero, è importante in questo lavoro confrontarsi e io e lui lo facciamo sempre!

E quale attore in generale, anche al di fuori di Upas, l’ha ispirata di più?

Sono un fan sfegatato di Tarantino… Forse è tutto il cast del film "Le Iene".

Precisamente Nunzio ora quanti anni ha?

Nunzio ha finito le superiori, adesso ha trovato lavoro quindi sui 19!

(Ida Palisi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA