La vera essenza di Marina Giordano? La dignità. Parola di Nina Soldano

nina soldano marinaMarina Giordano si trova in un momento molto particolare: come per una strana legge del contrappasso, gli stessi giochi di potere di cui è stato artefice in passato il suo personaggio le si ritorcono contro e si trova da carnefice a diventare vittima di se stessa e del diabolico piano architettato da Roberto Ferri. Ne parliamo con Nina Soldano, la brava attrice che la interpreta.

Proprio ora che Marina comincia a fidarsi di Roberto (impersonato da Riccardo Polizzy Carbonelli) e della sincerità dei suoi sentimenti, lui la tradisce come non mai e non a viso aperto, come ci aveva abituato finora, ma con sotterfugi e piani machiavellici orditi alle sue spalle.

La “forte” Marina resisterà anche questa volta o ci mostrerà il suo lato più vulnerabile?

Come ho già detto più volte la mia “Marina Giordano” è una donna dalle mille sfumature. Tendenzialmente di animo buono, grande imprenditrice e legata da forti sentimenti, ma quando viene messa davanti ad una verità disarmante, allora esce fuori il felino che è in lei e diventa crudele fino all’ultimo .

Una delle caratteristiche della Marina Giordano che noi tutti abbiamo imparato a conoscere, soprattutto negli ultimi tempi, è la complessità. Marina è una donna piena di contraddizioni, capace di grandi slanci di generosità ma che sull’individualismo e sull’arroganza ha costruito la sua immagine. Donna dura e di potere ma anche mamma e nonna affettuosa, Marina è sempre in bilico. Quale è la sua vera essenza?

La vera essenza di Marina è la dignità in tutto quello che vive, magari a volte anche sbagliando. Ma i suoi errori li ha sempre pagati in prima persona senza mai piangersi addosso, con sofferenza, sacrificio e, se vogliamo, anche annullandosi perdutamente nell’uomo, che è sempre stato il suo tallone d’Achille.

Che sorprese possiamo aspettarci dal suo personaggio?

Molte sorprese per questa stagione 2015/2016, ma non posso anticiparvi niente. Mi spiace!

Ci sono delle similitudini caratteriali tra Marina Giordano e Nina Soldano? Se sì, quali?

“Marina Giordano” e Nina Soldano sono due donne molto generose che amano il buon gusto nel vestire, ma per quanto riguarda la vita affettiva, Nina è sicuramente più serena, mente Marina purtroppo è ancora schiava d’amore di “Roberto Ferri” (Riccardo Polyzzi Carbonelli).

C’è un tema a cui tiene in modo particolare, anche a livello personale, un argomento che vorrebbe che fosse approfondito in UPAS?

Diciamo che ad UPAS vengono affrontati molti argomenti. Penso all’ultimo, in particolare, l’omossessualità di Sandro Ferri (Alessio Chiodini), ragazzo non capito, giudicato e maltrattato dalla società, come succede nella realtà…Molti adolescenti si riconoscono in Sandro. Questa storia potrebbe scuoterli, aiutarli  ed affrontare la loro condizione emotiva con più forza e coraggio, senza necessariamente nascondersi e soffrire. Quindi, direi di continuare su questa linea. 

C’è un argomento sociale “nuovo” che vorrebbe fosse affrontato? E perché?

La forza di UPAS è quella di raccontare temi sociali forti e discutibili per un popolo ancora oggi sordo e cieco, quindi cosa si può volere di più? Sono contenta e soddisfatta così. Gli autori in questo sono molto attenti e sensibili: come dire, siamo in una botte di ferro.

M. N.

© RIPRODUZIONE RISERVATA