| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 21 Settenbre 2020




Siani e Arbore per il Premio Lamberti: a settembre l’appuntamento a Nisida

PREMIO LAMBERTI 2019Saranno Renzo Arbore e Alessandro Siani gli ospiti d’onore del Premio Responsabilità Sociale “Amato Lamberti”2019 in programma, come di consueto, negli spazi all’aperto del Centro Europeo di Studi di Nisida sabato 21 settembre 2019 a partire dalle ore 18.

Il musicista, autore e conduttore televisivo Renzo Arbore, cittadino del mondo e napoletano nell’anima, interverrà con una video-intervista realizzata per l’occasione dal direttore di Rai Italia Marco Giudici, che ritirerà per suo conto un premio speciale, mentre aprirà la serata Alessandro Siani. L’attore, regista e produttore di grande successo e sensibilità sociale, riceverà il premio della sesta edizione.

Organizzato dall’Associazione Jonathan e dal gruppo di imprese sociali Gesco con la regia e l’allestimento a cura di Exit Communication, il Premio Responsabilità Sociale “Amato Lamberti”, unico nel suo genere in Italia, è accreditato presso l’Ordine dei Giornalisti della Campania e vuole promuovere la responsabilità sociale come strumento di partecipazione e di cittadinanza attiva.

Foto 1

Nel corso della cerimonia di premiazione interverranno l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano (premio per la categoria Cittadinanza); la giornalista, autrice e conduttrice televisiva Franca Leosini (Giornalismo); l’associazione Archivio Fotografico Parisio con il suo responsabile Stefano Fittipaldi (Cultura); la presidente della Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee – Museo Madre Laura Valente (Lavoro sociale); la casa editrice Marotta&Cafiero con il suo direttore editoriale Rosario Esposito La Rossa (Impresa). Il direttore Alessio Falconio riceverà per Radio Radicale un premio per l’Informazione politica e al filosofo, saggista e studioso dei fenomeni criminali Isaia Sales andrà la Menzione Speciale dedicata al magistrato Paolo Giannino. Infine al fotoreporter Ciro Fusco per il suo grande impegno accanto ai ragazzi più disagiati sarà assegnato il premio Napoli Città Solidale e un premio alla memoria dello psichiatra e scrittore Mario Petrella sarà consegnato alla vedova Paola Rescigno.

Interverranno alla cerimonia di premiazione il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il presidente del Premio Napoli Domenico Ciruzzi, l’ex direttore del centro Rai di Napoli Francesco Pinto, il presidente di Gesco Sergio D’Angelo, i responsabili di Jonathan Silvia Ricciardi e Vincenzo Morgera, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti Ottavio Lucarelli, il Capo Dipartimento Giustizia Minorile Gemma Tuccillo, il direttore dell’IPM di Nisida Gianluca Guida e la vedova di Amato Lamberti, Roselena Lamberti.

foto 2

I premiati riceveranno in dono un’opera d’arte, grazie al contributo di  alcuni artisti di rilievo internazionale. Partecipano all’edizione 2019 gli artisti Caterina Arciprete, Valeria Corvino, Donatella Donatelli, Lino Fiorito, Moio & Sivelli, Alfonso Mezzacapo, Laura Niola, Maya Pacifico, Massimo Pastore, Giuseppe Pirozzi e Viviana Rasulo. Inoltre il Premio 2019 avrà un’opera-simbolo (in sostituzione delle classiche targhe) realizzata appositamente da Valter Luca De Bartolomeis con l’Istituto Superiore Caselli De Sanctis di Capodimonte mentre  la cooperativa sociale Nesis donerà un manufatto del Laboratorio ‘Nciarmato a Nisida. 

La serata vedrà la partecipazione straordinaria anche di alcuni ragazzi dell’Istituto penale per i minorenni, coinvolti nel rinfresco a cura del catering Monelli tra i fornelli.

L’evento è aperto ai giornalisti e dà diritto a 5 crediti formativi (è possibile iscriversi dal 29 agosto al 5 settembre sulla piattaforma Sigef, titolo corso: “Informazione, deontologia e solidarietà”).

L’edizione 2019  ha i patrocini di: Ministero della Giustizia; Regione Campania; Comune di Napoli; Ordine dei Giornalisti della Campania; Università degli Studi Suor Orsola Benincasa.

Media partner il portale Napoli Città Solidale.

FOTO 3

Che cos’è il Premio Responsabilità Sociale “Amato Lamberti”

Il Premio è organizzato dall’associazione Jonathan e dal gruppo Gesco che intendono promuovere, attraverso esempi concreti, la Responsabilità Sociale come strumento di partecipazione e di cittadinanza attiva.

Intitolato al compianto sociologo Amato Lamberti, si rivolge a persone che si siano distinte per la loro sensibilità verso i temi sociali e per il coraggio, la tenacia, la perseveranza e lo spirito di sacrificio nel loro lavoro e nell’agire quotidiano.

Ha cadenza annuale ed è il primo nel Mezzogiorno d’Italia di questo genere. 

FOTO 4

Nelle precedenti edizioni hanno vinto il Premio Lamberti:

Vincenzo Abate (fondatore associazione La Forza del Silenzio), Enzo Avitabile (musicista), Action Aid Italia, Ugo Biggeri (presidente Banca Etica), Armando Brunini (amministratore delegato Gesac), Valeria Capezzuto (giornalista Tg3 Rai Campania), Sylvain Bellenger (direttore Museo e Real sito di Capodimonte), Valerio Cataldi (giornalista Tg2), Mario Cipriano (titolare Birrificio Karma - Alvignano), Maurizio de Giovanni (scrittore), Maurizio del Bufalo (ideatore Festival Cinema dei diritti umani), Enzo d’Errico (direttore Corriere del Mezzogiorno), Roberto di Bella (magistrato), Vincenzo Esposito (caporedattore Corriere del Mezzogiorno), Titta Fiore (già caporedattore Cultura e Spettacoli Il Mattino), Gabriele Frasca (poeta e scrittore, già presidente Fondazione Premio Napoli), Paolo Giulierini (direttore Mann), Giampiero Griffo (responsabile sezione Diversità - Biblioteca Nazionale di Napoli), Riccardo Iacona (conduttore Presa Diretta), cooperativa Lazzarelle, cooperativa La Paranza, padre Antonio Loffredo (parroco della Sanità, presidente Fondazione San Gennaro), Ezio Mauro (già direttore La Repubblica), Toni Nocchetti (presidente associazione Tutti a Scuola), Vittorio Merloni (alla memoria, già  presidente di Indesit Company ), Maria Carmen Morese (direttore Goethe Institut di Napoli), Operai ex Alcoa (fabbrica sarda salvata dai suoi ex lavoratori), Aldo Putignano (editore Homo Scrivens e scrittore), Claudia Migliore (fondatrice libreria Iocisto), Museo della Fiducia e del Dialogo per il Mediterraneo, Nicola Quatrano (magistrato), famiglia di Giulio Regeni, Franco Roberti (già Procuratore nazionale antimafia), Conchita Sannino (inviata La Repubblica), Isabella Schiavone (giornalista TG1), Paolo Terracciano (head writer Un posto al sole), Giovanni Zoppoli (fondatore del centro territoriale Mammut di Scampia).

All’edizione 2017 ha partecipato lo scrittore Erri De Luca, alla 2018 l’attore Toni Servillo cui è stato conferito un premio speciale.

Il Premio viene accreditato ogni anno all’Ordine dei Giornalisti della Campania come evento formativo.

Si fregia per ogni edizione della Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana.

WCT banner
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale