| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 1 Dicembre 2021




ViaggiagendO - Dakar

agendo-2014-DakarVi proponiamo in esclusiva nei mesi estivi, uno per week-end, alcuni dei racconti di viaggio appositamente elaborati da giornalisti e scrittori per agendO 2014, l’agenda che Gesco edizioni dedica ogni anno ad un tema diverso e pubblica a sostegno di un progetto sociale.
Questa settimana andiamo in Senegal, con Maria Nocerino.

C’è un posto in cui puoi sentirti a casa, anche se non sei a casa tua. Dove la terra è ricca, ma di una ricchezza diversa, e lo capisci solo quando sei costretto a lasciarla. Da cui si parte ripensando già al giorno in cui potrai ritornare. Per incontrare chi una volta, senza conoscerti, ti ha aperto le porte della sua casa, ti ha offerto ristoro e amicizia.

A guardarlo sulla carta geografica il Senegal è uno stato piccolissimo, stretto tra il mare e il deserto, ma chi lo abita ha un cuore grande, aperto, accogliente. I suoi figli lontani, quelli giunti in Europa inseguendo sogni d’avventura, sono ambasciatori di ospitalità, malgrado troppo spesso non la ricevano nei Paesi in cui approdano. L’accoglienza se la portano appresso, non è galateo, né un dovere, semplicemente un modo di essere aperti al mondo. La puoi assaporare in un piatto di thieboudienne, lo stufato di riso con pesce e verdure: Yussuf lo prepara in un appartamento di Napoli ma, assicura, a casa sua è ancora più buono ed è lì che bisognerebbe mangiarlo, a Dakar, «con le donne che vedendoti passare di sicuro ti inviteranno ad entrare».

Promesse di felicità, racconti pieni di nostalgia, alle parole di Yussuf fa eco il suo amico Abu. Sono in Italia per giocare a calcio, sognano di diventare professionisti, e non vogliono rinunciare nonostante le difficoltà, e ti sospingono, almeno te che se vuoi, puoi, verso la loro terra: «Ti accoglieranno a braccia aperte e non vorrai più andar via». Lo cantano persino nell’inno nazionale «Sénégal, comme toi, comme tous nos héros, Nous serons durs, sans haine et les deux bras ouverts» (Senegal/come te/come tutti i nostri eroi/saremo duri/senza odio e con le braccia aperte).

Un’accoglienza che conosce le difficoltà, la povertà e non smette di sperare. La vedi all’arrivo a Dakar nella statua di bronzo alta 49 metri che si erge sulla collinetta che domina la capitale: il Monumento alla Renaissance africaine raffigura una giovane donna, un uomo con in braccio un bambino che indica la direzione dell’Oceano. È il simbolo della famiglia e del desiderio di vedere tornare un giorno i propri figli lontani.

«In tanti sono partiti per aiutare i propri cari e costruirsi un futuro – dice Abu – Ma un tempo furono in milioni ad essere rapiti. Porti affollati di navi cariche di uomini fatti schiavi per lavorare nelle piantagioni americane. Eppure non ci pieghiamo al rancore e salvaguardiamo il nostro spirito, pronti ad avere ancora una volta fiducia». Un racconto doloroso che puoi ritrovare nella Maison des Esclaves, la casa degli schiavi, sull’isola di Gorée, proclamata patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel ‘78. «A difenderci ci pensa la nostra terra», dice pensando a quel luogo Yussuf: secondo la leggenda, nel “porto di non ritorno”, come lo definiscono ancora oggi i senegalesi, i toubab, cioè gli uomini bianchi, venivano “sentiti” dall’isola, e, a seconda del responso di madre terra, potevano essere accettati o rifiutati.

Per i primi Gorée diventava un luogo magico, ma gli altri venivano costretti a lasciare l’isola per una strana sequenza di inspiegabili eventi. «Perché la terra ha un’anima», ripete con il suo amico Abu. Di sicuro appare magica anche a chi non crede negli spiriti, e l’attrazione che esercita sui tanti visitatori fa del turismo una risorsa per la fragile economia senegalese. Arrivano in tantissimi per ammirare le meravigliose spiagge bianche di Saly Portudal, una delle località balneari più gettonate dell’Africa occidentale. O Lac Rose, ovvero il Lago Rosa che si trova a nord est di Dakar, chiamato così per il colore delle sue acque. O ancora la famosa spiaggia Le Virage, vicino alla capitale, in cui di giorno puoi comprare pesce fresco, di sera ascoltare musica acustica. In questi luoghi bellissimi tra gente caldissima, pensi a Yussuf e Abu per averti sospinto fin qui e poi pensi alla nostra di accoglienza, ai diritti negati, alla burocrazia astrusa, alle trafile interminabili in attesa del “permesso di soggiorno”. Loro non te lo faranno mai pesare, da qui capisci il loro sorriso e la loro pazienza. Il Senegal assomiglia a un leone con la testa rivolta verso il mare. Con un territorio di 200mila chilometri quadrati, lo stato africano con capitale Dakar si estende ad ovest dell’Africa sudanese e affaccia sull’Oceano Atlantico. A Sud c’è la regione verde di Casamance e si trovano i villaggi più tradizionali. Il clima tropicale e le sue bellezze naturali – dalle spiagge bianchissime alle foreste di baobab – insieme a una lunga tradizione artistica e culturale, ne fanno una meta privilegiata dell’Africa Occidentale.

Maria Nocerino

Nel 2014 agendO è stata dedicata alla Terra. E’ in preparazione agendO 2015 che sarà dedicata al Cibo e uscirà a settembre.
Potete richiedere agendO 2014 e prenotare agendO 2015

scrivendo a: comunicazione@gescosociale.it, o telefonando allo 081-7872037 int. 220.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
gesco 30 anni
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale