| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
venerdì 22 Novembre 2019




Umanità in conflitto. Coltivare i legami, prevenire la violenza

foto PRIMO PIANOCongresso AIMS alla Stazione Marittima di Napoli il 15 e il 16 novembre

“Umanità in conflitto. Coltivare i legami, prevenire la violenza” a questo tema è dedicato il XII Congresso dell’AIMS (Associazione Internazionale Mediatori Sistemici), in programma alla Stazione Marittima di Napoli i prossimi 15 e 16 novembre.

“Dopo 22 anni, l’AIMS ritorna a Napoli con il suo dodicesimo congresso. Un ritorno simbolico alle nostre radici culturali: l’ecologia del conflitto, il pensiero sistemico come cornice teorica per comprendere la natura, lo sviluppo e le possibilità trasformative dei conflitti umani, nella famiglia, nella scuola, nella comunità, nelle istituzioni. Al tempo stesso l’opportunità per un confronto sul valore della pratica della mediazione in un momento storico che segna la crisi profonda del concetto stesso di umanità, dove ancora più forte e l’esigenza di aderire ad una visione sistemica, complessa, della realtà in cui viviamo. L’utopia in blu di Kandisky allude proprio a questa capacità visionaria. In che modo possiamo contribuire a coltivare relazioni felici, a costruire dialoghi creativi tra persone, generazioni, culture, per andare oltre i confini tracciati e fare della pratica della gentilezza e del rispetto verso la diversità il fondamento di un nuovo umanesimo? In che modo possiamo favorire la trasformazione dei legami familiari nei passaggi più critici di una separazione o di un divorzio, al fine di prevenire forme degenerative del conflitto? Cercheremo di aprire il dibattito su questi temi complessi, avvalendoci del contributo di mediatori, antropologi, giuristi e professionisti della relazione di aiuto. Ad accogliere i partecipanti sarà il teatro a cielo aperto della città di Napoli, magicamente sospesa tra umorismo e malinconia, tra comico e tragico, dove il conflitto costituisce il vero motore del cambiamento e del processo creativo”. Così il presidente dell’associazione Giuseppe Ruggiero presenta l’evento di rilievo nazionale.

Molti gli interventi di esperti che si alterneranno nel corso della due giorni napoletana, tra cui Adriano Favole (Università di Torino), Caterina Arcidiacono (Università Federico II), Paolo Gritti (Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli), Raffaele Sdino (Giudice Tribunale di Napoli), Alessia Schisano (Avvocato, Mediatore familiare), Paola Re (Presidente F.I.A.Me.F).

L’Associazione Internazionale Mediatori Sistemici

Fondata nell’aprile del 1995, è ad oggi, la prima associazione italiana per estensione territoriale e per numero di soci e di centri di formazione. L’associazione non ha scopo di lucro e promuove il progresso degli studi e delle ricerche nel campo della mediazione familiare e della formazione alla mediazione familiare. Attiva Corsi di formazione specifici presso i Centri riconosciuti, Convegni e Seminari su tematiche rilevanti per l’esercizio della professione, formazione permanente per didatti e soci ordinari. Promuove infine presso i Ministeri competenti il riconoscimento della professione.

L’AIMS. costituisce un bacino di professionisti, in grado di svolgere un’attività altamente qualificata e per la quale esistono precisi richiami sia nella normativa nazionale che in quella europea.

Mediapartner dell’iniziativa il portale Napoli Città Solidale.

Maggiori informazioni su www.mediazionesistemica.it

Scarica la brochure con il programma completo

agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
napoliclick
amicar 500

Archivio Napoli Città Sociale