| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 8 Agosto 2022




Magnate 'o limone: il gay pride a Sorrento

gay pride sorrento Tutto pronto per il Sorrento Pride, convocato, per il prossimo 14 settembre, da Pride Vesuvio Rainbow (Associazione che ha organizzato il Pompei Pride 2018) e dal collettivo LGBT Buonvento tra le costiere.

Dopo la conferenza dei servizi convocata dal Comune di Sorrento e in presenza del Sindaco Cuomo si è entrato di fatto nell’ultima fase organizzativa che porterà in penisola sorrentina il primo Gaypride.

Portavoce della manifestazione saranno Maria Rosaria Malapena e Gianluca Paudice.

 Grande entusiasmo e tanta partecipazione, soprattutto tanti giovani e studenti, per dar vita a un evento che rappresenta una sfida entusiasmante da un punto di vista sociale e politico per il territorio. 

Il Sorrento Pride porterà in strada le identità, i corpi, i diritti e le istanze di autodeterminazione e di eguaglianza delle persone LGBT+ e non. Tanti i temi veicolati da questa manifestazione, centrale ov-viamente sarà quello del contrasto ad ogni forma di discriminazione e pregiudizio verso le persone gay, lesbiche, transgender, bisessuali, queer, ma anche migranti, femministe, persone con disabilità, e in generale verso chiunque si senta stretto da un etichetta o da un tabù culturale.

4319889 1913 aaa.jpg.pagespeed.ce.kN3 3MeCIM Il logo scelto è uno spicchio di limone, simbolo di Sorrento, con i colori rainbow, e lo slogan della parata è "Magnate 'o limone"( Go suck on a Lemon, nella versione internazionale) per dire, con un sorriso e umorismo, a chi ancora oggi discrimina, di adeguarsi alla realtà e di provare ad assimilare anche qualcosa che gli sembra avere un sapore troppo aspro. 

Il Sorrento Pride, nella stagione dei 50 anni dei moti di Stonewall e a 25 anni dal primo GayPride ita-liano a Roma, chiuderà l’ONDA PRIDE 2019, ovvero la rete di manifestazione che include tutti i pride nelle varie città italiane e rappresenterà anche quindi un momento di riflessione nazionale per un bilancio complessivo sulla stagione dei pride italiani.

 Tanto entusiasmo per questa prima volta crescono le adesioni di associazioni e movimenti, ma anche di molte cittadine e cittadini che sentono sempre più vicino e proprio questo evento, tante anche leadesioni degli enti locali. Dopo il patrocinio morale concesso dal Comune di Sorrento, è arrivato an-che quello della Regione Campania, della Città Metropolitana di Napoli e quello della città di Torre Annunziata che ospiterà il Vesuvio Pride nel 2020.

In attesa che altri comuni della penisola sorrentina e non solo, che hanno annunciato l’adesione al prossimo Sorrento Pride, confermino ufficialmente il Patrocinio, ci auguriamo la presenza di molti sindaci alla manifestazione del 14 settembre a partire proprio dalla presenza del Sindaco Cuomo di Sorrento e degli altri sindaci della penisola, dichiara Danilo Di Leo, Presidente di Pride Vesuvio Rainbiow. La presenza delle Istituzioni al corteo non è solo un gesto simbolico, ma è un momento di vicinanza importante dello Stato, delle comunità locali, alle istanze di libertà ed eguaglianza dei tan-ti che scenderanno in strada per il Sorrento Pride. 

Questo Sorrento Pride, continua Di Leo, è nato proprio per costruire una rete sociale e umana che possa consentire di abbattere i muri dell’indifferenza e dei pregiudizi, per dare coraggio ed entusia-smo ai ragazzi e alle ragazze, ai cittadini e alla cittadine, del territorio, non solo di partecipare al Pride il prossimo 14 settembre, ma soprattutto di poter vivere se stessi tra la propria gente, nelle proprie famiglie.

Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
gesco 30 anni
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale