| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 19 Agosto 2019




La Salute accessibile, primo capitolo: lo 081, la macchina per le ecografie ed il primo polo salute

Salute GratisPiccolo guida della Salute Gratis a Napoli

In un paese in cui si investe sempre troppo poco in sanità pubblica, le realtà autonome che sorgono per il volere di cittadini che mettono a disposizione della collettività le proprio competenze sono approdi importanti a cui giungono soprattuto i miei abbienti.

A Napoli esistono differenti realtà, private o Onlus, che forniscono prezzi sociali o gratuità per le persone in difficoltà o anche per i senza tetto o immigrati, ma non bastava.

Poco più di 5 anni fa diversi collettivi cittadini hanno iniziato a porsi la questione dell’accessibilità dei servizi sanitari, cercando di trovare una soluzione a questa carenza di cure che sembrava incombere sullo strato più debole della cittadinanza. Oggi a Napoli grazie a queste riflessioni e grazie al lavoro volontario di decine di dottori, alle donazioni di farmaci di centinaia di sostenitori e di raccolte fondi, a Napoli è in continua costruzione e creazione un polo salute gratuito e per tutti. Per il momento le strutture autogestite che hanno inaugurato i loro ambulatori sono tre, il primo in termini di nascita è stato il polo salute del Centro Sociale Autogestito 081, situato a piazza Banchi Nuovi, nel cuore del centro antico di Napoli a due passi da Spaccanapoli.

“Noi avevamo già il servizio Caf  gratuito,  - esordisce Vittorio Forte del collettivo Centro Storico – poi abbiamo cominciato ad interrogarci sulla Salute e più in particolare sull’accesso alla salute dei cittadini. Come prima cosa abbiamo deciso di aprire un polo di informazione, prevenzione ed orientamento sanitario, all’inizio non avevamo tutta la partecipazione di medici che abbiamo adesso. La situazione che abbiamo trovato parlando con la gente era peggiore di quello che potevamo immaginare, e soprattutto per quanto riguardava le indagini specialistiche: su 100 prescrizioni venivano realizzati poco meno della metà degli esami. La difficoltà maggiore : riuscire ad avere un appuntamento ed il costo”.

Il centro sociale autogestito 081 si trova in uno dei quartieri più ricchi da un punto di vista culturale ma anche uno dei quartieri più popolari del centro antico. Santa Chiara è una zona di Napoli che si estende in un dedalo di viuzze, perpendicolari e parallele, dalla Basilica fino a Sedile di Porto. In queste viuzze ci batte poco la luce del sole e storicamente è stato un ricettacolo di devianza e difficoltà sociale. Il centro 081 è presente sul territorio da quasi un decennio e, dopo aver realizzato iniziative gratuite a destinazione della cittadinanza come serate musicali e cineforum, ma anche proiezioni della partita del Napoli e dibattiti, ha strutturato una vera e propria rete di servizi : doposcuola per i più piccoli (che funge anche da sportello di prevenzione all’abbandono scolastico), servizio Caf ed infine lo sportello Salute.

“Abbiamo iniziato con una raccolta fondi – continua il sig. Forte – la generosità dei giovani e degli abitanti del quartiere è stata incommensurabile. Molti commercianti hanno fatto donazioni anche. Già in questo primo momento ci siamo resi conto che stavamo rispondendo ad un bisogno reale.  Grazie allo sforzo collettivo siamo riusciti ad acquistare una macchina per fare le ecografie. E, da allora, grazie al dott. Claudio de Gregorio, siamo capaci di offrire un servizio gratuito ed accessibile. Basta venire a trovarci.”

Dopo qualche anno di attività, lo staff del polo salute di 081 ha iniziato a diffondersi, potendo contare sull’aiuto di numerosi dottori e studenti di medicina desiderosi di dare un aiuto “Quando l’ambulatorio ha iniziato a registrare numeri di partecipazione molto elevati abbiamo sentito il bisogno di trovare dei locali più grandi. Quindi abbiamo deciso di sdoppiarci, qui allo 081 abbiamo lasciato i macchinari e la parte strumentale del servizio ed invece, a due passi, a Santa Fede Liberata altro centro sociale autogestito, abbiamo creato il poliambulatorio per le visite. Il nostro sogno è creare una rete che riesca a facilitare l’accesso alla salute per tutti. C’è un grande bisogno di sportelli pediatrici e psichiatrici, speriamo che negli anni a venire riusciremo a rinforzare la nostra rete sempre di più”

Oltre all’ambulatorio, il polo di salute dello 081 ha dato il via a una campagna di sensibilizzazione,prevenzione ed assistenza dentistica pediatrica, grazie all’impegno ed al lavoro del dott. Giuseppe Rubbo “ Ci siamo accorti che i giovani e giovanissimi, nella fascia d’età tra i 6 e 13 anni non avevano mai fatto una visita dentistica – continua Forte – i denti sono importantissimi e la salute della bocca incide sulla salute del corpo intero.  Per il momento abbiamo fatto due incontri, uno il 24 maggio ed uno il 5 giugno, speriamo di continuare .”

Questa realtà è stata la prima esperienza  a Napoli di salute accessibile a tutti: dal suo esempio sono nate nuove esperienze, come l’ambulatorio di Santa Fede Liberata o ancora il poliambulatorio dell’ex Opg – Je so pazz’.

“L'intenzioni di tali strutture non è quella di sostituirsi al servizio pubblico, ma di rispondere ad un'effettiva necessità. La gente ha bisogno di cure e di assistenza e di accesso ai servizi di diagnostica. Noi stiamo cercando di tamponare la situazione ma resta la debacle, sociale e sanitaria, nella quale sono regioni del paese” conclude Vittorio Forte.  

 Informazioni pratiche per lo sportello salute dello 081 :

Gli orari sono variabili, per prenotarsi basta contattare. Le prenotazioni si possono effettuare tramite Faceboook sulla pagina “salute al centro”  ( https://www.facebook.com/La-Salute-al-Centro-456320231575042/ ) oppure al numero 082 551 69 27

Eva de Prosperis