| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 17 Luglio 2019




Minori e famiglie al centro del Forum regionale organizzato dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Campania

minori e famiglieRigenerare i legami e aprirsi al futuro. Questi gli obiettivi del Forum regionale Famiglia e minori, organizzato dal Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Campania in programma oggi e domani all’auditorium della Regione Campania. Sono due giorni di confronto tra rappresentanti delle istituzioni e della politica, esperti ed esponenti dell’associazionismo e della società civile per analizzare tutte le principali tematiche, sociali e giuridiche, inerenti il mondo dei minori, dell’adolescenza e della famiglia.

«Abbiamo voluto dare vita ad uno spazio di partecipazione e confronto su tematiche che non sono solo attuali, ma che richiedono sempre più riflessioni attente. Quale Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza di questa Regione, sento l’esigenza di tutelare e garantire sempre il superiore interesse del minore in ogni contesto e processo sociale: questo Forum servirà anche a questo”, spiega Giuseppe Scialla, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Campania. Il Forum regionale Famiglia e Minori è stato realizzato col patrocinio dell’Ordine degli Psicologi della Campania, dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Campania, dell’Unicef, di Telefono Azzurro, dell’Istituto degli Innocenti e del CSV Napoli. Media partner sarà Comunicare il Sociale, la testata giornalistica edita proprio dal Centro di Servizio per il Volontariato di Napoli. « I genitori devono avere un approccio diverso nell'educazione dei minori, così come anche gli educatori. Il senso di questi due giorni di studio è proprio quello di dare un contributo fattivo in questa direzione».Cinque le sezioni di lavoro, moltissimi gli interventi previsti tra cui quello del presidente nazionale di “Telefono Azzurro”, Ernesto Caffo, del presidente di Unicef Italia, Francesco Samengo, del presidente di CSVnet, Stefano Tabò e del presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida. Lo scrittore Maurizio De Giovanni è, invece, il testimonial dell’evento.