| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 18 Settenbre 2019




Al Modernissimo la serata finale del Premio Cinematografico Fausto Rossano

Dopo quattro giorni di dibattiti e proiezioni sui temi legati alla salute e alla sofferenza psichica, si chiude venerdì 5 aprile 2019  con la cerimonia di premiazione al Multicinema Modernissimo di Napoli la quinta edizione del Premio Cinematografico Fausto Rossano per il Pieno Diritto alla Salute organizzato dall’Associazione Premio Fausto Rossano con il gruppo di imprese sociali  Gesco. Venerdì 5 aprile a partire dalle ore 18 nella serata condotta dalla giornalista Chiara Reale saranno proiettati i film vincitori (corti e lungometraggi), scelti tra diciotto finalisti  (su 200 pervenuti da tutto il mondo) da una giuria di esperti presieduta dalla giornalista Titta Fiore.

La maternità, l’inquinamento, disabilità come la sindrome down e il sordomutismo, la questione dell’identità legata alla migrazione, alla perdita di memoria, alla casa, la lotta contro il cancro, la depressione e la difficoltà ad affrontare il lutto i temi più rappresentati nei film in concorso, che prevede, oltre a quelle dedicate ai filmaker professionisti con un focus per i campani, anche due sezioni speciali rivolte ai laboratori dei centri di salute mentale e agli studenti.

Strutturato in proiezioni pomeridiane e serali e dibattiti mattutini sulle seconde generazioni e sulla ludopatia, il Premio – dedicato alla memoria dello psichiatra Fausto Rossano che da ultimo direttore del Bianchi diede un contributo fondamentale alla dismissione dai manicomi e diretto dal figlio, il sociologo visuale Marco Rossano - vuole sensibilizzare al tema della sofferenza psichica attraverso il potente mezzo cinematografico e domani vedrà l’assegnazione anche di un premio speciale ai fratelli Roberta, Gabriele e Daniele Russo del Teatro Bellini.

I vincitori riceveranno in premio un’illustrazione creata per l’occasione da Romilda Lombardi.

Il Premio è organizzato in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale della Asl Napoli 1 Centro, la cooperativa sociale Dedalus, Officine Gomitoli, l’Istituto A. Romanò, AvaNposto Numero Zero, il Multicinema Modernissimo. Ha il patrocinio del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Clicca qui per il programma completo