| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 21 Gennaio 2019




«Siamo contro il decreto sicurezza. Abbiamo posti negli Sprar, accogliamo noi i 49 migranti abbandonati nel Mediterraneo»

L’appello di 8 sindaci della Rete dei Piccoli Comuni del #Welcome di Irpinia e Sannio

migranti mareVogliono accogliere i 49 migranti lasciati in mezzo al mare. «Dichiariamo ospitalità immediata presso i nostri SPRAR, dove gli attuali posti liberi superano complessivamente quel numero». Sono 8 sindaci della Rete dei Piccoli Comuni del #Welcome della provincia di Benevento e di Avellino, che schierano apertamente contro il DL Sicurezza.

  «Manifestiamo il  desiderio – scrivono in una nota congiunta 8 sindaci-  di trovare una soluzione concreta tra il corretto esercizio del dovere di accoglienza dello Stato Italiano sancito dalla Carta Costituzionale, i diritti civili riconosciuti dall’ordinamento giuridico e le risorse del welfare disponibili per i Comuni. Ci dichiariamo – prosegue la nota- apertamente contrari alle norme del cosiddetto “Decreto Sicurezza”, oggi legge 113/2018.

I sindaci “ribelli ” sono Domenico Canonico di Baselice, Vito Fusco di Castelpoto, Carlo Grillo di Chianche, Giuseppe Addabbo sindaco di  Molinara, Giuseppe Lombardi di Petruro Irpino, Roberto Del Grosso di  Roccabascerana 

Carmine Agostinelli, sindaco di San Bartolomeo in Galdo e Angelina Spinelli di Santa Paolina.

«I nostri Piccoli Comuni del #Welcome- sottolineano gli 8 sindaci- avevano partecipato alle sedute della Commissione immigrazione ANCI riunite ad hoc per proporre emendamenti al Decreto nella sua fase di conversione in Parlamento, ma le osservazioni di noi Sindaci non sono state recepite in nulla dal testo legislativo approvato. Per queste ragioni manifestiamo il nostro aperto dissenso all’applicazione della legge 113/2018 e ne chiediamo urgentemente una attenta revisione».