| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 10 Dicembre 2018




Progetto Itaca: raccolta fondi per sostenere i giovani con disagio psichico

Progetto Itaca raccolta fondiUna raccolta fondi per sostenere le attività dell’associazione Progetto Itaca Napoli destinate all’inclusione sociale delle persone con disagio mentale e al supporto delle loro famiglie. Sabato 6 ottobre 2018 Progetto Itaca Onlus organizza un party evento per finanziare il Club Itaca, centro che ogni giorno accoglie ragazzi con patologie psichiatriche gravi perché possano trovare una loro autonomia.

In questo spazio, vengono ospitati da due anni e mezzo 30 giovani: hanno dai 20 ai 40 anni e 10 di loro sono stati ormai messi in programmi lavorativi tra contratti a tempo determinato e stage professionali. “Perché questa struttura possa continuare a vivere, ora bisogna raccogliere nuovi fondi”, è l’appello che la onlus rivolge a tutta la città, nella speranza di sensibilizzare all’importanza del progetto.

Il Club Itaca

 Il Club Itaca è, di fatto, il progetto più impegnativo dell’organizzazione. Si tratta di un luogo veramente diverso dagli altri: il clima è di entusiasmo e di vita, vi si svolgono tanti laboratori e attività, tra cui un blog, un giornale, un corso di cucina e uno di teatro. Qui non c'è personale sanitario, si tratta di un centro per lo sviluppo dell’autonomia socio lavorativa di persone con una storia di disagio psichico, ma è concepito come una casa, circondata da un bellissimo orto, dove è in costruzione anche una serra, in cui i ragazzi si sentono accolti, accuditi e soprattutto liberi di esprimersi ogni giorno.

Questa struttura nasce nel 2005 per volontà di Progetto Itaca onlus e realizza, per la prima volta in Italia, il modello di integrazione sociale americano del “Clubhouse”, basato sul concetto che le persone affette da disagio psichico hanno il diritto di integrarsi nella società, di realizzarsi nel lavoro, di avere amici, di essere felici, come tutti gli altri.

Tutte le attività sono finalizzate al recupero del ritmo di vita e della sicurezza in sé; vengono sviluppate capacità sociali e abilità specifiche al fine di accrescere l’autonomia della persona e, quando possibile, affrontare un lavoro in azienda. I partecipanti non sono pazienti ma soci: lavorano per rinforzare i propri punti di forza. Non vi sono programmi terapeutici, che devono essere assicurati da professionisti esterni. I soci sono responsabili del Club e lavorano fianco a fianco nella gestione quotidiana della Clubhouse, supportati da un ristretto numero di persone di staff. Non vi sono spazi o tempi riservati solo ai soci o solo allo staff. La frequenza è libera e gratuita; l’iscrizione non ha scadenza.

Quest’anno, gli ospiti del Club hanno avuto l’opportunità di conoscere l’ artista napoletano Sergio Fermariello, che ha dedicato loro un intero inverno trasmettendo il suo sapere e la sua creatività. Da questo laboratorio sono nati dei disegni speciali, da cui nascerà qualcosa di importante, promettono dall’associazione.

Progetto Itaca raccolta fondi 1

L’importanza della raccolta fondi

“Certamente la cura farmacologica è indispensabile, ma da sola forse non basterebbe per portarli fino alla completa e piena esperienza di dignità, identità ed autonomia che sono indispensabili per vivere una vita vera. Perciò quando arrivano da noi, loro sono ancora in quel territorio di mezzo tra salute e malattia, senza aver riacquistato la capacità di scelta, e pian piano vengono guidati, con il libero esempio, e sul modello della fondazione americana Nami, (che lavora sui protocolli di Harvard) con cui Itaca é gemellata, a ritrovare un'identità, prima personale poi sociale, e dove possibile anche lavorativa”, spiegano dall’associazione.

Per dare continuità al progetto, la onlus organizza iniziative come quella di sabato 6 ottobre. L’appuntamento è a Villa Pignatelli alle 19: si apre con un aperitivo per proseguire con una cena, accompagnata da musica e intrattenimento; in programma una sfilata di Stefania Ricci e una performance della danzatrice Claudia Sales. Ci saranno anche dei premi sorteggiati e tante sorprese.

L’associazione Progetto Itaca

L’associazione è stata fondata da un gruppo di volontari il 29 ottobre 2014 con l’intento di attivare iniziative e progetti gratuiti di informazioni, prevenzione, supporto e riabilitazione per giovani affetti da disturbi della salute mentale e con programmi di sostegno alle loro famiglie. Sono molti, sempre di più che soffrono di depressione, attacchi di panico, ansia, disturbi alimentari, psicosi: patologie difficili da riconoscere e da curare, che sono al centro dell’azione di Progetto Itaca e dei suoi volontari. La missione dell’associazione è dare informazioni perché si arrivi alla diagnosi in tempi brevi, aiutare chi è in cura a ritrovare la volontà di ricostruirsi la vita, valorizzando le proprie risorse, sostenere i famigliari. Per aiutare chi soffre, la onlus punta sulle risorse di ciascuno, sulla prevenzione e sulla riabilitazione, lasciando alla scienza medica il compito della terapia. L’organizzazione di eventi ha lo scopo di raccogliere fondi per l’associazione confidando nella generosità dei donatori e sostenitori.

Per maggiori informazioni:

08118962262 segreteria.napoli@progettoitaca.org

www.progettoitacanapoli.org

M. N.