| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube

La mappa del verde, ecco i polmoni dell’area metropolitana di Napoli

green care maps NapoliNapoli ha un estesissimo patrimonio verde. Veri e propri polmoni per una città che ha conosciuto negli ultimi decenni una esasperata cementificazione. Per conoscere e condividere questa ricchezza è nata una mappa. La “Green Map of Naples” permetterà a cittadini e turisti di scoprire il verde urbano di tutta l’area metropolitana di Napoli. L’iniziativa è dell’associazione Premio GreenCare in occasione del “Maggio dei Monumenti”.

Saranno distribuite ventimila copie in lingua italiana e inglese: un decalogo delle trentasette tra ville storiche e giardini di quartiere, riserve naturali, orti botanici e chiostri, parchi urbani. È il primo esperimento per una città italiana che si dota di una carta per promuovere percorsi green per un turismo all’insegna della sostenibilità.

Non un semplice elenco. La Green Map of Naples, infatti, propone anche degli itinerari con visite che legano diversi giardini attraverso l’uso di scale e pedamentine, linee metropolitane e funicolari. Una occasione per scoprire e ammirare la bellezza del patrimonio botanico dentro e fuori le mura cittadine. Una accurata leggenda evidenzia le opportunità di fruizione dei giardini: panchine, fontane, fontanelle, aree attrezzate per bambini o picnic, belvederi con viste spettacolari sul Golfo di Napoli. Ma anche luoghi adatti alla lettura, alla meditazione e per la pratica sportiva.

La mappa è interattiva grazie al QR Code che permette a tutti di accedere a ulteriori informazioni e approfondimenti sul sito: si possono scoprire, ad esempio, le rare varietà botaniche presenti nei giardini napoletani. Uno sguardo più attento al verde urbano e alle collezioni botaniche.

La Green Map of Naples è stata presentata a Palazzo San Giacomo alla presenza dal Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e della presidente dell’associazione Premio GreenCare Ets, Benedetta de Falco. “I cittadini, allenando lo sguardo a riscoprire il proprio patrimonio botanico, svilupperanno una nuova cittadinanza alimentata da un senso civico più orientato alla tutela delle aree verdi” afferma Benedetta de Falco, che aggiunge: “I turisti potranno scoprire una Napoli insolita e più verde, con percorsi green all’insegna del benessere all’aria aperta”. Sono tanti i giardini annessi a musei o nelle vicinanze di luoghi di interesse storico: un valore aggiunto per i turisti che scelgono Napoli.

La prima copia è donata al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. La Green Map dedica una finestra a Villa Rosebery e al Real Bosco di Capodimonte, il parco urbano e storico più grande d’Italia; spazio anche per i due orti botanici federiciani, per i giardini degli Scavi archeologici di Pompei e per le belle ville della Penisola, Costiera ed Isole: Villa Cimbrone e Villa Rufolo, Villa San Michele ed i Giardini La Mortella.

La GreenMap sarà disponibile presso gli Info Point del Comune di Napoli e all’Aeroporto di Capodichino. L’iniziativa ha il Patrocinio morale del Comune di Napoli e gode del sostegno di sponsor fermamente convinti che dalla conoscenza e valorizzazione del patrimonio verde possa scaturire una nuova cittadinanza più attenta ai beni comuni e un turismo più sostenibile: Ferrarelle Spa e Russo di Casandrino, L’Oro di Capri - Associazione per la tutela dell’olivo a Capri, Mati Sud Spa, Graded Spa, Aeroporto Internazionale di Napoli, Cupiello, Sit & Service. La mappa è realizzata da Where Naples Coast & Islands, rivista internazionale di informazione turistica da anni impegnata nella promozione del territorio e del turismo sostenibile.

La Green Map of Naples contiene:

- Mappa di Napoli con l’evidenza della posizione dei giardini;

- Mappa di Napoli con evidenza di metropolitane, funicolari, cumana e circumvesuviana, collegamenti marittimi;

- Mappa del Real Bosco di Capodimonte, il parco urbano e storico più grande d’Italia.

Parchi

Parco Vergiliano a Piedigrotta, Parco dei Camaldoli, Parco di via Nicolardi, Parco de La Floridiana, Parco Troisi , Parco Mascagna, Parco del Poggio, Parco dei Quartieri Spagnoli, Parco Ciro Esposito, già Parco di Scampia, Parco Virgiliano, Parco Viviani, Parco dei Ventaglieri, Parco Robinson.

Giardini

Villa Comunale, Palazzo Reale, Villa Pignatelli, Giardino di Re Ladislao, Giardini della Certosa di San Martino, Giardini del Molosiglio. Mostra d’Oltremare, Giardini del Museo Archeologico di Napoli, Villa Rosebery, Giardino Torre, Real Bosco di Capodimonte

Orti Botanici

Orto Botanico di Napoli, Orto Botanico di Portici

Out of town

Riserva Naturale degli Astroni (Pozzuoli), Giardini La Mortella (Ischia), Villa Rufolo (Ravello), Villa Cimbrone (Ravello), Villa San Michele (Capri), Chiostro di San Francesco (Sorrento), Giardino di Giulia Felice (Pompei Scavi), Il Parco della Reggia di Caserta, Parco Sorgenti Ferrarelle di Riardo

Chiostri

Chiostro di Santa Chiara, Chiostro di San Marcellino e Festo, Chiostro di San Gregorio Armeno

Sono proposti sei itinerari alla scoperta di giardini storici con visite guidate a cura di “Progetto Museo”. Sono proposti tre percorsi pedonali naturali che mettono in comunicazione alcuni tra i giardini più spettacolari di Napoli, a cura dell’associazione “Scale di Napoli”.

A.B.