| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Martedì 23 Luglio 2019




Giovani donne e adolescenti in difficoltà

Se ne occupa a Napoli la coop Etica che compie 18 anni

etica 19 06 2017L’accoglienza per adolescenti a Napoli

Le comunità alloggio che si rivolgono ad adolescenti in difficoltà sono 5 in tutta Napoli, di cui solo 2 ospitano soltanto ragazze. I gruppi appartamento sono ancora di meno: ce ne sono solo 4 in tutta la città e sono prevalentemente riservati ad utenti di sesso maschile.

A occuparsi esclusivamente di giovani donne e adolescenti fragili a Napoli, c’è la cooperativa sociale E.T.I.C.A. (Energy to Increase Children Assistance), socia del gruppo di imprese sociali Gesco e del CISMAI – Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l’Abuso all’Infanzia, che proprio in questi giorni festeggia 18 anni di attività.

In particolare, la coop offre a ragazze adolescenti che hanno subito abbandono, maltrattamenti o abusi dei luoghi protetti dove abitare e percorsi di crescita individuale. Lo fa gestendo, nel territorio della Municipalità Vomero-Arenella, due servizi residenziali accreditati per il Comune di Napoli: Imparando a Volare, una comunità alloggio tutelare che accoglie ragazze dai 13 ai 18 anni vittime di maltrattamenti o abusi in famiglia; L’ altra metà del cielo, gruppo appartamento per  giovani donne dai 17 ai 21 anni che, nell’impossibilità di rientrare nel nucleo familiare d’origine, sono sostenute nel percorso verso l’autonomia e l’indipendenza. 

etica 19 06 2017 2

Un caso unico a Napoli: il gruppo appartamento “L’altra metà del cielo”

“In entrambe le strutture – spiega la presidente della cooperativa Francesca Russo – accogliamo sei ragazze, i cui casi vengono segnalati dai Servizi sociali o il cui allontanamento dalle famiglie venga disposto dall’autorità giudiziaria”.

Il gruppo appartamento L’altra metà del cielo, in particolare, si trova nel quartiere Arenella e rappresenta una delle pochissime strutture che si occupa solo di giovani neomaggiorenni di sesso femminile. Qui arrivano ragazze che hanno un vissuto problematico – da problemi di dipendenza a percorsi di adozione andati male – e si ritrovano, per vari motivi, senza casa né famiglia. Per loro, uscite da strutture da accoglienza e ad un passo dal diventare adulte a tutti gli effetti, c’è da affrontare l’avventura più grande: quella dell’autonomia.

“Una sfida non da poco – commenta la Russo – sono tanti i problemi che queste giovani donne incontrano sul loro cammino: dalle cose più scontate che non sanno fare da sole nella gestione quotidiana di casa alle difficoltà poste dalla convivenza con altre persone, passando le dinamiche relative ai Social che oggi incidono in modo molto significativo sulla vita dei giovani”.

Funziona così: le giovani donne vivono insieme come in una qualunque casa che devono gestire con un budget a disposizione da utilizzare per spese e utenza. Anche se vengono seguite dalle operatrici attraverso incontri periodici e possono richiedere una consulenza psicologica, per il resto devono imparare a stare e a vivere da sole, continuando o riprendendo, ove possibile, percorsi scolastici o formativi.

etica 19 06 2017 3

Etica: diciotto anni di esperienza nel sociale

Una sfida, che continua e si rinnova nel tempo, quella della cooperativa sociale Etica, nata nel 1999 da un gruppo di 9 donne selezionate per un progetto della Comunità Europea e da sempre impegnata sul territorio di Napoli per il benessere di bambini, ragazze e famiglie. Una storia coronata da successi ma anche da momenti in cui pensavano che non ce l’avrebbero fatta, perché poi a un certo punto, come spesso accade nel sociale, i progetti e i fondi finiscono e ci si deve inventare di tutto per continuare. Ecco allora che le donne di Etica si danno da fare: promuovono, in collaborazione anche con altre realtà, spettacoli di beneficienza e si cimentano in attività di raccolta fondi. È il caso della campagna sociale “Vivere da sole”, la cui madrina di eccezione è l’attrice Maria Bolignano, lanciata attraverso la piattaforma di crowdfunding Meridonare; o “Una famiglia speciale 1 Caffè onlus”, che ha visto la partecipazione di Luca Argentero.

Oggi la cooperativa impiega 13 persone nei servizi e 3 amministrativi; è presente sui social e, da pochi giorni, ha lanciato anche un blog attraverso cui raccoglie testimonianze, contributi ed esperienze: http://www.coopetica.it/coopetica/category/blog/

Festeggiamenti e tavola rotonda

La coop del gruppo Gesco, in questi giorni, compie 18 anni. Un nodo critico e cruciale che “fa tremar le vene e i polsi” per la paura del futuro, ma che apre alla speranza di potercela fare finalmente con le proprie forze. Una ricorrenza importante anche per le ragazze seguite dalla cooperativa, che, al compimento del diciottesimo anno, si trovano davanti a scelte determinanti per il proprio avvenire.

Per festeggiare questo importante anniversario, ma anche per riflettere sui problemi legati alla condizione delle maggiorenni che escono dalle comunità, la coop organizza la tavola rotonda “18 Anni, tra criticità e risorse”, in cui si affronteranno tematiche come la tutela e l’autonomia nei servizi residenziali per adolescenti, gli strumenti educativi e la funzione della psicoterapia nei percorsi di autonomia.

L’appuntamento è per giovedì 22 giugno dalle ore 15 presso il polo enogastronomico Il Poggio (via Nuova Poggioreale 160/C, Napoli).

Parteciperanno alla tavola rotonda: Francesca Russo, presidente della cooperativa sociale E.T.I.C.A.; Sergio D’Angelo, presidente del gruppo di imprese sociali Gesco; Marianna Giordano, responsabile del Coordinamento Italiano Servizi Maltrattamento all’Infanzia (CISMAI) per la Regione Campania; Annamaria Cirillo, psicologa psicoterapeuta del Consultorio Toniolo di Napoli; Regina Cosentino, psicologa psicoterapeuta, supervisore dell’èquipe educativa della comunità alloggio Imparando a Volare; Raffaella Montuori, vicepresidente dell’associazione Agevolando.

A moderare l’incontro sarà Ida Mazzarella, responsabile comunicazione di E.T.I.C.A.

Nel corso del pomeriggio, è previsto anche un intervento in videoconferenza di Margherita Brasca, Programs and Advocacy Officer Sos Villaggi Bambini Italia.

A seguire aperitivo augurale offerto da Il Poggio. 

Scarica il programma della tavola rotonda del 22 giugno

Per maggiori informazioni:

Cooperativa sociale E.T.I.C.A. Onlus

Via Pigna 92, 80128 Napoli

Tel | FAX: 081.5797097

comunicazione@coopetica.it

www.coopetica.it