| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
venerdì 4 Dicembre 2020




Bruciato l’Orto Sociale di Ponticelli

Viaggio negli orti sociali di Napoli.

orto sociale ponticelliOrto Sociale di Ponticelli: atto vandalico o intimidatorio?

L’Orto Sociale Urbano del parco De Filippo, a Ponticelli, è stato oggetto di un atto vandalico. Parti dello spazio di socializzazione, affidato l’anno scorso dal Comune di Napoli all’Unità Operativa Complessa Dipendenze Centro Diurno Lilliput dell’Asl Napoli 1 Centro - che lo gestisce attraverso la cooperativa sociale Era, del gruppo di imprese sociali Gesco – sono state bruciate.

“Abbiamo da subito pensato ad un ennesimo atto di vandalismo, ma le modalità con cui è stato appiccato il fuoco ci hanno fatto pensare ad un chiaro atto d’intimidazione” spiegano gli operatori che lo curano, insieme ai cittadini e alle famiglie del territorio.

Fino ad ieri sera i volontari testimoniano che era tutto in ordine, quindi il fatto deve essere avvenuto durante la notte, in più la forte pioggia aveva bagnato tutto e questo rendeva difficile appiccare il fuoco. Infatti, stando a quanto denunciato, sono state trovate molte bottiglie di plastica con residui di benzina proprio sotto l’ombrellone di paglia, i tavoli e i tronchi/sgabello bruciati, ad indicare chiaramente un atto di premeditazione, e non un atto di vandalismo estemporaneo.

L’Orto Sociale di Ponticelli non è nuovo ad episodi del genere. Circa un anno fa, proprio alla vigilia dell’inaugurazione, erano state rubate e danneggiate alcune attrezzature. Anche in questo caso il presunto atto intimidatorio avviene a pochi giorni da un altro evento (il Workshop Internazionale di Autocostruzione per i Sistemi di Gestione delle Acque), in programma dal 7 al 16 novembre 2016.

Ma come nasce l’Orto Urbano di Ponticelli?

L’idea di creare sul territorio un Orto Urbano che impegni non solo gli utenti, ma anche le famiglie, le associazioni, i cittadini, per sensibilizzarli alla tutela e alla cura degli spazi del quartiere, nasce dal confronto tra gli operatori, del pubblico e del privato, sulle nuove attività da promuovere e realizzare dentro e fuori al centro. “Dopo un lungo periodo di solleciti e attese – spiegano dalla struttura - siamo riusciti ad avere in affidamento un area verde all’interno del Parco De Filippo, situato a Ponticelli uno dei quartieri più degradati, sovraffollati e permeato di criminalità della zona Orientale di Napoli. Ovviamente, Ponticelli è anche abitato e vissuto da persone oneste e volenterose, che credono nel riscatto del loro territorio; questa iniziativa vuole arrivare al cuore di coloro che stanchi, demotivati e sopraffatti, sperano di poter vivere ancora in quartiere civile. Recuperando il senso civico, di appartenenza, la tutela ed il rispetto del bene comune, ci ribelliamo alla deturpazione e al brigantaggio. Piccoli segnali ci sono cellule di impegno e buoni propositi che lanciano scintille di speranza; uniti potremo ricreare quel tessuto sociale da troppo lacerato e lercio. I lavori di risistemazione dell’area in questione sono stati sabotati, ma non ci siamo fatti intimidire, andando avanti per la nostra strada”.

Gli orti sociali: il contatto con la terra che fa bene all’uomo

Gli orti sociali sono una realtà poco conosciuta qui da noi, eppure in lenta espansione. La declinazione ‘sociale’ ha una duplice motivazione: prima di tutto, a prendersi cura di queste aree a destinazione agricola è, in generale, una cooperativa, un’associazione, un gruppo di persone. Ma anche lo scopo dell’orto è “sociale”, che sia esso inteso come riabilitativo, terapeutico o, come più spesso accade, finalizzato all’inserimento sociale e lavorativo di persone in condizioni di svantaggio, come disabili, detenuti, giovani a rischio. Più in generale, gli orti sociali rappresentano uno spazio di aggregazione e socializzazione: prendendosi cura di un pezzetto di terra si fa qualcosa per l’ambiente e al contempo si sta insieme godendo, perché no, dei suoi frutti insieme e trasformando il raccolto anche in un momento di condivisione e convivialità. Quando gli orti nascono entro le cinta del territorio cittadino, diventano orti “urbani”.

A Napoli possiamo citare un’altra esperienza promossa dal gruppo Gesco: si tratta di un orto enorme, parliamo di circa 13mila metri quadri, realizzato nel carcere di Secondigliano attraverso la cooperativa sociale L’Uomo e il Legno che lo promuove con l’impresa sociale ‘Campo Aperto’.

“Il nostro tentativo – spiega il presidente della cooperativa sociale L’Uomo e il Legno, Enzo Vanacore – è quello di creare una terza via, andando oltre la definizione di orto sociale e di orto urbano. Noi parliamo di impresa di agricoltura sociale, la cui connotazione principale passa attraverso l’inserimento lavorativo e sociale di chi vive una situazione di disagio”. In quello che si trova a Secondigliano lavorano 5 detenuti, assunti con contratto a tempo determinato come braccianti agricoli. “L’ambizione – conclude Vanacore – è quella di creare osmosi tra carcere e territorio, estendendo il più possibile il nostro progetto. Ora, ad esempio, siamo alla ricerca di terreni nei Camaldoli e abbiamo già intrapreso, sempre nel carcere di Secondigliano, un laboratorio di trasformazione alimentate che ha dato vita ad alcuni prodotti sott’olio”.

M. N.

Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale