| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 27 Giugno 2022




Associazione Transessuale Napoli: “Bloccare la legge Zan danneggia soprattutto le trans”

coverA pochi giorni dal TDoR/Transgender Day Of Remembrance, ovvero la Giornata della memoria per commemorare le persone trans uccise nel mondo, arriva la denuncia dell’Associazione Transessuale Napoli (ATN), la cui portavoce Loredana Rossi sottolinea: “La mancata approvazione del decreto Zan contro l’omofobia danneggia anche il mondo trans. Il clima che si respira è di insopportabile intolleranza, quasi fossimo tornati al fascismo e alla negazione di ogni diritto, ma non riusciranno a cancellare le nostre identità”.

Doppio appuntamento per il TDoR 

Mentre si discute sull’approvazione del Ddl Zan, infatti, nel mondo continuano ad aumentare le vittime trans di violenza e discriminazione. Anche per questo motivo, sarà ancora più forte e sentito il ricordo che, come ogni anno, ormai di consueto, la comunità Lgbt di Napoli organizza alla vigilia del TDoR, che cade in tutto il mondo il 20 novembre. Una data nata per non dimenticare ma soprattutto per dire basta alla violenza e dar voce a tutte quelle persone che più non hanno voce, per fermare questo massacro silenzioso, frutto dell'odio e del pregiudizio, della transfobia.

Napoli ha deciso di precedere di qualche giorno questa importante celebrazione con una iniziativa, promossa dall’ATN con il comitato partenopeo Non una di meno, in programma sabato 13 novembre 2021 alle ore 19.30 alla Galleria Principe (presso il Bistrot Le Lazzarelle) dove si susseguiranno interventi, reading e performance, in attesa della vera e propria Trans Freedom March che vedrà tutti impegnati a Roma sabato 20 novembre.

1

I dati allarmanti sui casi di violenza

Il 2021 è l'anno in cui, secondo l’associazione internazionale per i diritti Lgbt dell’Onu, l'Italia scende al 35° posto della classifica dei Paesi Europei per politiche a tutela dei diritti umani e dell'uguaglianza delle persone Lgbt+ (lesbiche, gay, bisex e trans). Tale dato è confermato da quanto rilevato dal servizio di Gay Help Line 800 713 713, contact center contro omofobia e transfobia, che riceve più di 50 contatti al giorno (tra linea e chat) di persone colpite da discriminazione, odio e violenza in quanto lesbiche, gay, bisex e trans.

Ricordiamo che Napoli, negli anni, ha raggiunto il triste primato di città italiana con il maggior numero di omicidi e atti di transfobia. Sempre il capoluogo campano è il territorio dove la comunità trans è più la radicata, antica e numerosa del Mediterraneo, ma anche dove la storia e le azioni concrete di accoglienza e supporto alla popolazione trans si intrecciano con il degrado, l’ostilità e la violenza esercitata verso persone che vivono spesso una condizione di forte emarginazione. 

2

Il lavoro negato alle trans

Il problema principale resta quello del lavoro: nel 2021 alle persone trans viene ancora negato il sacrosanto diritto a un lavoro “normale e dignitoso”. “Oramai è storia vecchia – spiega Loredana Rossi – Non è una novità che le persone transessuali non riescano a trovare neanche i lavori più umili, ovvero quelli che nessuno vuole fare per cui si cerca sempre personale, perché vengono discriminate per la loro identità e il loro aspetto. Molte amiche sono andate via da questa città che, invece, per tradizione dovrebbe essere aperta e accogliente verso i ‘femminielli’. Ragion per cui l’unica cosa che possono fare per sopravvivere e andare avanti è ancora oggi prostituirsi”.

La battaglia per il lavoro è uno dei perni fondamentali dell’associazione ATN (Associazione Transessuale Napoli), nata in città nel 2007 in difesa dei diritti Lgbt e oggi guidata da Ileana Capurro. Dal 2020 l’organizzazione gestisce la prima casa di accoglienza del Comune di Napoli per persone vittime di violenza e marginalità sociale in partenariato con Arci Gay Antinoo (capofila), Alfi le Maree, Pride Vesuvio Rainbow, Famiglie Arcobaleno, Agedo, Pochos Napoli e con il supporto di Arci Mediterraneo, Dedalus, Nefesh, Centro Ateneo Sinapsi, Ordine degli Psicologi della Regione Campania. 

Maria Nocerino

Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
gesco 30 anni
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale