| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Domenica 22 Luglio 2018




Primo Piano
Famiglie Arcobaleno: a Napoli riconosciuti i figli di nove famiglie omogenitoriali

Luigi de Magistris

Sindaco de Magistris: i governi locali espandono i diritti, quelli nazionali li restringono

Sono stati riconosciuti, nella sala giunta del Comune di Napoli, i figli e le figlie di nove famiglie omogenitoriali, cioè di famiglie composte da coppie omosessuali. Nello specifico, sono stati registrati i nomi di entrambi i genitori negli atti di nascita. Un gesto fortemente voluto dal sindaco Luigi de Magistris che ha sottolineato l’importanza di riconoscere il diritto di tutti i bambini ad avere due genitori, a prescindere dal fatto che questi siano un uomo ed una donna o due persone dello stesso sesso.  

Leggi tutto ›
Il bene confiscato “Paolo Borsellino” ancora al palo

Falcone Borsellino

Nel 26esimo anniversario della strage di Via D’Amelio l’appello: “Lasciateci cominciare”

Leggi tutto ›

UN CORSO GRATUITO SUL CINEMA DI ANDREJ TARKOVSKIJ

Andrei TarkovskyUn corso gratuito sul cinema di Tarkovskij. Si terrà a Napoli a settembre e ad organizzarlo è la scuola di cinema Pigrecoemme, in collaborazione con la F.I.C.C, Federazione Italiana dei Circoli del Cinema.

Il percorso, a cura dello storico del cinema Vincenzo Esposito (il cui titolo “Days of Future Passed” rende omaggio all’omonimo album dei Moody Blues del 1967, a sua volta ispirato alla Sinfonia n. 9 – “Dal Nuovo Mondo” di Antonín Dvořák), affronterà in 4 incontri, i testi teorici di Tarkovskij e l’analisi della sua opera cinematografica. 

«Se Tarkovskij per me è il più grande – diceva Ingmar Bergman – è perché porta nel cinema un nuovo linguaggio che gli permette di afferrare la vita come apparenza». Ognuno dei sette lungometraggi di Andrej Tarkovskij, dal suo esordio L’infanzia di Ivan (1962) fino all’ultimo lavoro Sacrificio (1987), è, in realtà, un tentativo di trovare il legame tra l’immagine e l’assoluto; una ricerca costante sull’immanenza della struttura delle immagini chiamate a esprimere non le riflessioni sulla vita, ma la vita stessa; una meditazione profonda sul cinema come arte del tempo e creatore di spazi dove la realtà appare “messa in abisso”.

«Tarkovskij è stato innanzitutto un “poeta” della forma cinematografica, e, più di ogni altro, ha creduto nella purezza, nell’integrità del film, nel sogno impossibile di cogliere nelle inquadrature il fluire del tempo, inseguendolo fin dentro le sue diacronie, nei giochi (e nei giorni) di un futuro già trascorso», spiega lo storico Vincenzo Esposito.

CALENDARIO DELLE LEZIONI 

Lezione 1  Venerdì 22 settembre 2017, h. 11:30 – 14:00 e 15.30 – 17:30. L’infanzia di Ivan  (1962, 1h 37m). A cura di Vincenzo Esposito.

Lezione 2  Venerdì 29 settembre 2017, h. 11:30 – 14:00 e 15.30 – 17:30. Tempo di viaggio (1983, 63′). A cura di Vincenzo Esposito.

Lezione 3 Venerdì 6 ottobre 2017, h. 11:30 – 14:00 e 15.30 – 17:30. Nostalghia (1983, 125′). A cura di Vincenzo Esposito. Lezione 4 Venerdì 13 ottobre 2017, h. 11:30 – 14:00 e 15.30 – 17:30. Solaris (1972, 167′). A cura di Rosario Gallone.

COME ISCRIVERSI

Per iscriversi è necessario recarsi presso la sede della Pigrecoemme (a Napoli, in piazza Portanova 11, dal lunedì al venerdì, dalle 10,30 alle 13,30 e dalle 15,00 alle 17,30) con un documento di riconoscimento in corso di validità. La partecipazione al corso è gratuita.

E’ consigliabile prendere un appuntamento chiamando al numero 081.5635188.

Morire di lavoro

Walter SchiavellaDi sicurezza e precarietà sul lavoro parliamo con Walter Schiavella, segretario generale della Camera del lavoro metropolitana di Napoli.

Leggi tutto ›
Il mare del Golfo negato alle persone con disabilità

disabileLa Caremar (Campania Regionale Marittima) è la principale compagnia di navigazione della Regione Campania e “svolge attività di pubblico servizio, garantendo il raggiungimento dei 7 porti del Golfo di Napoli con ogni condizione meteo”. Almeno questo è...

Leggi tutto ›
Umanizzare il carcere: anche Fico alla presentazione del libro di Antonio Mattone

IMG 20180716 1227311“Quando uscirò dal carcere la palla passa a me, come mi hai detto tante volte tu”. Passione civile e umana solidarietà sono stati i due motori che hanno spinto Antonio Mattone a riflettere su malavita, solitudine e riscatto nel carcere e a scrivere il...

Leggi tutto ›
News
Venerdì, 20 Luglio 2018Italiani tra fake news e dipendenza da social network

Nel rapporto biennale Infosfera dell’Università Suor Orsola Benincasa i numeri inquietanti del nuovo sistema mediatico dell’era digitale 

Presentazione ricerca al suor orsola BenincasaPer l’87% degli italiani i social network non offrono più...

Venerdì, 20 Luglio 2018Distrofia muscolare: un minibus per la Uildm

Carmine DoninzettiUn minibus attrezzato per il trasporto disabili, completo di nove postazioni, sarà consegnato mercoledì 25 luglio, alle ore 20.00, alla Uildm ”Giovanni Nigro” di Arzano, organizzazione no profit...

Venerdì, 20 Luglio 2018Nascono a Napoli nuove applicazioni per disabili visivi

braille 1Sono state presentate a Napoli, dagli sviluppatori della Apple Developer Academy, nella sezione Uici di Napoli -  Commissione sezionale Ausili, Nuove Tecnologie e Accessibilità - tre nuove...

Venerdì, 20 Luglio 2018Attacco vandalico all’associazione Dream Team

Attacco vandalico allassociazione Dream TeamL’associazione Dream Team – donne in rete subisce un attacco vandalico e un furto. Dream Team è un'associazione che in una periferia difficile ma ricca di realtà sociali come Scampia, si occupa...

Giovedì, 19 Luglio 2018“Annalisa Durante”, la biblioteca per i giovani di Forcella

Diventa protagonista del cambiamentoAl via il percorso di inclusione giovanile “Diventa protagonista del cambiamento”, promosso dall’Associazione Annalisa Durante in favore dei giovani di età compresa tra 18 e 30 anni, con il...