| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 1 Dicembre 2021




Primo Piano
Riapre Che Follia, il Social Bazar più “pazzo” di Napoli

che follia riapertura

Dopo una pausa per ristrutturazione e restyling, riapre i battenti Che follia, il Social Bazar più “pazzo” di Napoli (con sede in Via dei Tribunali 308). Una scintillante vetrina nel cuore del centro storico che ospita le produzioni più belle e originali provenienti dai circuiti della cooperazione sociale, della solidarietà e del sostegno alle fragilità. Quale migliore periodo per farlo conoscere con più forza a turisti e cittadini se non quello prenatalizio?

Leggi tutto ›
Tangentopoli, sogni e illusioni di un'intera generazione

Mani pulite

Una stagione caratterizzata da una grande illusione: quella della fine degli intrighi, quella che elegge i magistrati paladini della giustizia contro una politica corrotta.  Siamo a Milano ed è il 1992. È la stagione di Tangentopoli, ricostruita da Goffredo Buccino, giovane cronista del Corriere della Sera, in un saggio dal titolo “Il tempo delle Mani Pulite” (editori Laterza). 

Leggi tutto ›
Giornata mondiale contro l'Aids, la prevenzione in Campania

prevenzione giovani aids

Sensibilizzare sui temi dell’Hiv e della prevenzione sessuale. Con questo obiettivo, ogni anno, l’1 dicembre, si celebra la giornata mondiale contro l’Aids. Una ricorrenza che nel 2021 assume un significato particolare, poiché si raggiungono ben quattro decenni di battaglie nei confronti dell’infezione, partendo dalle prime notizie del giugno 1981, quando il nome del virus era ancora sconosciuto.

Leggi tutto ›
Tutti a Teatro: spettacoli gratuiti per persone con disabilità

tutti a teatro

“Ci sono persone e famiglie per le quali andare a teatro è complicato o addirittura impossibile. Si tratta dei disabili e dei loro genitori. È da questa semplice considerazione che siamo partiti nel progettare Tutti a Teatro”. Con queste parole Toni Nocchetti, presidente dell’associazione Tutti a Scuola ci racconta dell’iniziativa che coinvolgerà i principali teatri napoletani in una programmazione dedicata alle persone con disabilità con le loro famiglie.

Leggi tutto ›
Buoni spesa del Comune di Napoli, via alle domande

Buoni spesa del Comune di Napoli

Oltre 2000 richieste arrivate in cinque ore per richiedere il buono spesa del Comune di Napoli destinato alle famiglie in difficoltà. Da ieri è possibile collegarsi al sito istituzionale (www.comune.napoli.it/buonispesa) per compilare la domanda online e provare ad accedere al contributo economico.

Leggi tutto ›
News
Lunedì, 29 Novembre 2021Ciro Corona: Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana per il suo impegno sociale

ciro coronaA Ciro Corona, 40 anni, da sempre impegnato nel sociale nel territorio di Scampia, va il titolo di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana con questa motivazione 'Per il suo...

Lunedì, 29 Novembre 2021Barriere sommerse per rigenerare il mare

74T oceanusCreare un “polmone azzurro”, capace di rigenerare forme di vita lì dove un’intensa azione di pesca ha desertificato il fondale riducendolo ad uno scenario lunare. Questo, in sintesi, l’obiettivo...

Lunedì, 29 Novembre 2021Giornata Internazionale delle persone con disabilità.: riconoscimento per il CSVnet Campania

Nicola CaprioC’è anche CSVnet Campania, il coordinamento dei Centri di Servizio per il Volontariato della regione, tra i premiati al Merito Civico, edizione 2021, per la solidarietà e l’inclusione delle...

Venerdì, 26 Novembre 2021Spesa sospesa, a Napoli consegnati oltre 200mila pasti a famiglie in difficoltà

EmergencyIn un anno raccolti 307.113 euro, 158.723 kg di beni alimentari e non alimentari transati e tracciati attraverso la piattaforma Regusto per un totale di 272.724 pasti equivalenti distribuiti alle...

Venerdì, 26 Novembre 2021Inclusione sociale, DescriVedendo al Museo Cappella Sansevero

sanseveroSarà presentato martedì 30 novembre alle 11 nel Museo Cappella Sansevero (Via F. De Sanctis, 19)  DescriVedendo Sansevero, il nuovo progetto di inclusione sociale realizzato dal Museo in...

Seeds for Integration Grants per l’integrazione degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado

seedsOBESSU, piattaforma di cooperazione per le associazioni studentesche europee, nel 2016 ha iniziato ad implementare il progetto Seeds for Integration (Semi per l’integrazione) lavorando alla costruzione di un ambiente scolastico inclusivo grazie al sostegno finanziario della Open Society Foundations. Il progetto si basa sull’idea centrale che gli studenti hanno la volontà e la capacità di trovare soluzioni per gli attuali problemi sociali. L’inclusione educativa degli studenti migranti e rifugiati è sicuramente uno di questi. Tuttavia, in molti casi la mancanza di risorse impedisce agli studenti di sviluppare e attuare pienamente le loro idee.

A partire da queste considerazioni OBESSU ha creato Seeds for Integration che mira a:

Potenziare la capacità degli studenti di agire al fine di migliorare l’inclusione dei loro coetanei migranti e rifugiati nella comunità scolastica, nonché accrescere la consapevolezza – a livello locale, regionale e nazionale – sulle questioni che gli studenti migranti e rifugiati si trovano ad affrontare durante il loro processo di integrazione.

Costruire legami più stretti e creare un dialogo tra la comunità scolastica e le comunità da cui provengono gli studenti migranti e rifugiati.

Incrementare il coinvolgimento e l’appartenenza alla rete OBESSU per aumentare gli sforzi di diffusione e visibilità di Seeds for Integration a livello nazionale e lavorare insieme per ottenere un impatto politico.

CARATTERISTICHE DELLE PROPOSTE

Il programma Seeds for Integration prevede il finanziamento a gruppi informali di giovani o associazioni studentesche, nello specifico:

  • small scale grants (piccoli finanziamenti di avviamento) per contribuire a progetti locali o regionali con un massimo di 1.000 euro;
  • large scale grants (grandi finanziamenti di avviamento) per contribuire a progetti nazionali con un massimo di 4.000 euro.

Le attività dovranno concludersi entro la fine del 2019.

Saranno premiati i progetti che definiscano in modo chiaro i problemi rilevanti e le attività previste per farvi fronte, che prevedano il coinvolgimento di studenti migranti o rifugiati e di altri partner di progetto. Possono presentare proposte gruppi informali composti da almeno tre studenti frequentanti in Europa le scuole superiori (secondarie di secondo grado) che facciano riferimento ad un consiglio studentesco o a una comunità locale, oppure associazioni studentesche.

Per gli small scale grants tutti gli studenti partecipanti devono frequentare lo stesso istituto, oppure se l’iniziativa è a livello regionale dovrà prevedere una collaborazione tra due o più istituti. Per i large scale grants l’iniziativa dovrà essere proposta da un’organizzazione Membro, Candidata o Affiliata OBESSU. Per partecipare al bando occorre presentare la propria proposta in inglese compilando l’apposito form online. Sarà possibile salvare il proprio lavoro prima di ultimarlo per ricevere commenti e indicazioni da parte di OBESSU.

Scadenza: è possibile presentare progetti per tutto il corso del 2019 qui per partecipare

Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
gesco 30 anni
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale