| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Martedì 2 Giugno 2020




Decreto rilancio: ecco cosa contiene

medicine 5103043 1280Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Dl Rilancio, una maxi manovra da 55 miliardi per proteggere imprese, famiglie e lavoratori dai danni economici del coronavirus.

Vediamo quali sono i principali interventi.

Fondi alla sanità

Vengono stanziati 3 miliardi e 250 milioni per il Sistema Sanitario Nazionale. 

Cig prolungata, anche quella in deroga sarà erogata dall’Inps

La Cassa Integrazione Guadagni è stata prorogata di altre 9 settimane e anche quella in deroga, il cui procedimento è di competenza delle Regioni, sarà erogata in tempi più rapidi. Quest’ultima sarà erogata direttamente dall'Inps.

Bonus autonomi automatico

L'indennità per i lavoratori autonomi sarà automatica e sempre di 600 euro per la mensilità di aprile, mentre la terza mensilità salirà a 1000 euro.

Smart working, congedi, bonus babysitter e centri estivi

I genitori potranno fruire di n. 30 giorni di congedo speciale al 50% della retribuzione e si potranno chiedere, però, fino a fine luglio.

Raddoppia anche il bonus babysitter (1.200 euro, 2.000 per sanitari e forze dell'ordine) che si potrà usare anche per pagare i centri estivi.

Le famiglie con redditi fino a 36mila euro avranno anche una ulteriore detrazione di 300 euro. I genitori potranno anche chiedere di proseguire con lo smart working, a patto però che a casa non ci siano mamma o papà o perché non lavorano o perché beneficiari di sostegni al reddito.

Reddito di emergenza

È previsto il reddito di emergenza tra i 400 e gli 800 euro a seconda del nucleo familiare per cittadini residenti in Italia e reddito familiare inferiore ai 10 mila euro accresciuto di 5 mila euro per ogni componente successivo al primo fino a un massimo di 20 mila euro e Isee inferiore a 15 mila euro. 

Scuola e università: fondi per la ristrutturazione e per la stabilizzazione di 16mila insegnanti

Il decreto stanzia un miliardo e mezzo tra lavori di ristrutturazione degli edifici scolastici e per la stabilizzazione di 16 mila insegnati. Previsti anche fondi specifici, quasi 40 milioni, per la pulizia delle aule e i dispositivi di protezione per docenti e studenti

1,4 miliardi sono destinati all’Università e per l’assunzione di n. 4000 nuovi ricercatori.

Turismo: cancellazione Imu e bonus vacanze

Le strutture turistiche saranno esentate dal pagamento della prima rata Imu.

E’ prevista una tax credit fino a 500 euro per le famiglie che sceglieranno di fare le vacanze in Italia con Isee fino a 40mila euro, da spendere in parte nelle strutture ricettive e in parte da scontare dalle tasse.

Per bar e ristoranti anche la tassa sull'occupazione aggiuntiva del suolo pubblico per i tavolini all'aperto è sospesa.

Previsti anche 100 milioni per i Comuni per i mancati introiti della tassa di soggiorno.

Imprese, stop Irap Le imprese con fatturato fino a 250 milioni non pagheranno l’Irap a giugno.

Sono previsti ristori a fondo perduto per le imprese con fatturato fino a 5 milioni (minimo 1000 euro, calcolati sulla base delle perdite, al 20-25-10%).

Per le imprese più piccole ci saranno anche sconti sulle bollette e il credito d'imposta sugli affitti al 60% esteso a tutte le aziende.

Per le attività di medie dimensioni, tra 5 e 50 milioni, ci saranno incentivi fiscali agli aumenti di capitale e la possibilità di un intervento di Invitalia con un nuovo 'Fondo patrimonio Pmi'.

Previsti incentivi anche per i privati che investono in aziende danneggiate dal Covid.

Per le imprese sopra i 50 milioni scenderà in campo Cdp.

Sospese poi plastic e sugar tax, rinviate al 16 settembre le scadenze fiscali e aumento a 1 milione delle compensazioni. Aiuti anche alle start up innovative.

Bonus green, dalle bici alla casa

È previsto un bonus da 500 euro per acquistare biciclette e monopattini; sono rafforzati ecobonus e sismabonus, al 110%; sono previsti rimborsi degli abbonamenti ai mezzi pubblici e fondi per le aziende del trasporto locale.

Regolarizzazione lavoratori immigrati

Il datore di lavoro che, alla data dell’8 marzo, aveva un lavoratore italiano o straniero alle proprie dipendenze, potrà regolarizzarlo pagando una somma di euro 400.