| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
venerdì 20 Settenbre 2019




Campo Aperto, il progetto di agricoltura sociale (Bio!)

campoapertoLa Cooperativa sociale L’Uomo ed il Legno ha realizzato nel carcere napoletano di Secondigliano un progetto di agricoltura sociale chiamata Campo Aperto. Si tratta di un’attività lavorativa che impiega 5 detenuti assunti a tempo indeterminato realizzata in spazi prima inutilizzati del penitenziario, dati in comodato d’uso dal Ministero di Grazia e Giustizia L’intera cooperativa si estende lungo 2 ettari e conta due serre, e come se non fosse abbastanza il terreno è a coltivazione biologica.  Il carcere di Secondigliano è tristemente noto per le problematiche di sovraffollamento, questo progetto vuole creare uno percorso formativo e professionale come forma di riabilitazione.

 “L’Uomo e il Legno” nasce nel 1995 nel quartiere di Scampia, a Napoli, con lo scopo di promuovere l’integrazione attraverso l’inserimento sociale e lavorativo di persone svantaggiate .La cooperativa, nei suoi primi anni di attività, ha avuto come oggetto principale del suo impegno: la lavorazione del legno nel rispetto della storia, della cultura, e della tradizione artigiana; lo studio e la messa a punto di nuove tecniche di lavorazione del legno e di elaborazione di quelle antiche, il restauro e la conservazione di oggetti d’arte; la lavorazione artigianale di prodotti di arte presepiale, vetro, cuoio e bigiotteria; il mettere a disposizione la propria  esperienza nel mondo del lavoro e della scuola, anche attraverso la conduzione di corsi di formazione e qualificazione professionale; l’elaborazione in collaborazione con istituzioni pubbliche e private, Nazionali ed Internazionali di programmi, progetti e ricerche volti a favorire attività culturali e di informazione.  Oggi la Cooperativa è cresciuta ed ha diversificato i campi d’interesse: lavora con i minori, i diversamente abili, con i migranti. L'Uomo E Il Legno hanno inoltre aperto altre tre sedi, una comunità alloggi, creando una rete di collaborazione con almeno 40 enti, tra Napoli e provincia, fino a Benevento ed Avellino. Oltre alla Falegnameria si è aggiunta anche la lavorazione della ceramica, una “Global Service” per interventi di piccole ristrutturazioni e manutenzione, oltre ad un know how per il diserbo chimico- fisico e per le bonifiche dei terreni.  Ultima si è aggiunta l’agricoltura, creando campo Aperto, una Fattoria sociale che gestisce circa 2 ettari di terreno all’interno del penitenziario di Secondigliano assumendo a tempo determinato 5 detenuti.

Per sostenere il progetto Campo Aperto è molto semplice basta acquistare i loro deliziosi prodotti. Dal lunedì al venerdì presso la sede della Cooperativa L’Uomo ed il Legno, dalle 09 alle 15. I prodotti stagionali disponibili sono patate e cipolle, tutto ad un euro al chilo.

L’Uomo e il legno si trova al Viale della Resistenza n.15, Polo Artigianale Scampia, Napoli

campoaperto 1