| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 21 Gennaio 2019




Proseguono le iniziative per i bambini di Forcella

Don Luigi Merola risponde all'appello di Asso.Gio.Ca e associazione Annalisa Durante.

AssoGioCa e associazione Annalisa DuranteDon Luigi Merola ritorna a Forcella per donare alle associazioni Assogioca ed Annalisa Durante una piscina con palline colorate per i bambini di Forcella che frequentano  lo Spazio giochi di via Vicaria Vecchia intitolato alla giovane vittima innocente della criminalità. E' tornato, così, a testimoniare la sua vicinanza al quartiere dopo essersi schierato per anni in favore della legalità come parroco di S. Giorgio Maggiore, sin dai tempi del tragico evento che colpì Annalisa. 

Dopo i gonfiabili donati da Nino D"Angelo per il Natale giunge quindi un altro importante dono, il giorno dopo l'Epifania, per i bambini di un territorio che sta profondendo un costante sforzo per il suo riscatto, a cominciare proprio dai più piccoli, come dimostrano le tante attività messe in piedi dall'associazione Durante con la "Baby Song", "Leggendo Crescerai" con la Fondazione Polis, la "Biblioteca a porte aperte" e lo "Spazio Bambini", animato quest'ultimo insieme ai volontari del servizio civile di Assogioca.

Insieme alla scuola Ristori guidata dalla preside Iadicicco, alle parrocchie guidate dai parroci Calemme, Berselli e Del Vecchio e ad altre associazioni impegnate nel territorio per la cultura e per il sociale, Forcella sta vivendo una nuova stagione, specialmente se la gente di Napoli continuerà a compiere gesti concreti

AssoGioCa e associazione Annalisa Durante 1

Ai giochi raccolti si aggiungeranno presto anche una parte dei giochi che non saranno stati ritirati nei negozi aderenti all'iniziativa comunale "Il giocattolo sospeso", promossa dall'assessore Alessandra Clemente. Questi ultimi, infatti, sono destinati ai bambini di associazioni che operano in aree svantaggiate, tra cui Forcella: un'ulteriore testimonianza dell'attenzione a questa zona e della generosità infinita della gente di Napoli per chi è in difficoltà.