| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
venerdì 22 Marzo 2019




Il Mammut di Scampia riparte con i migranti

Risveglio di primavera per il Centro Territoriale Mammut di Scampia, nella periferia nord di Napoli.

mammutInnanzitutto le attività con scuole e associazioni con bambini dai 6 ai 10 anni. Il “Mammutbus”, il camper trasformato in ludobus con i ragazzi del quartiere, riprende il suo giro tra scuole e associazioni - oltre mille tra bambini, ragazzi e adulti di centro e periferia napoletane e di altre città d’Italia.

Punto di sperimentazione pedagogica e redazione del primo giornale fatto con i bambiniIl Barrito dei Piccoli”. Il tema stavolta sarà il diluvio universale, con la deriva dei continenti e la prima grande migrazione dall’Africa di milioni di anni fa. Un mito greco, quello di Decaulione e Pirra, incredibilmente simile alla storia di Noè e della sua arca darà, il via al nuovo ciclo.

Intrecciando storie individuali e collettive, infatti, l’equipe Mammut stimolerà una riflessione attorno al fenomeno delle migrazioni e ai suoi risvolti psicologici, come nascita e separazione e sociali. Obiettivo è stimolare ragionamenti e sensibilità sin da piccini attorno a questi temi a partire dalla storia della propria famiglia: riflessioni quanto mai necessarie nei tempi da “caccia alle streghe” che stiamo rivivendo e nei territori di periferia da cui tutta la ricerca Mammut continua a partire.

mammut 1

Il lavoro quotidiano è svolto anche nelle aule scolastiche dalle tante insegnanti coinvolte, arricchito da racconti e laboratori teatrali, dal “Giocone dell’Oca Evolutiva”, dalla serigrafia artigianale con Else Edizioni che terrà un laboratorio presso le scuole di Scampia; dalla partecipazione alle giornate scolastiche di molte professionalità di spessore, come Luca Mori, ricercatore toscano e fautore della filosofia con i bambini; dalla grande caccia al tesoro/esposizione conclusiva in piazza Giovanni Paolo II di Scampia. Una nuova pedagogia che ha radici antiche e che il Mammut chiama “Pedagogia delle tane”: cambiare scuola e città, rendendole a misura di bambino. Dalla ricerca collettiva nascerà il nuovo numero del Barrito dei Piccoli per l’estate 2018.

Spazio per ricerca e formazione grazie a “ForMammmut”, costola del Centro che ad ottobre rilancia la proposta di una scuola permanente di pedagogia attiva.  Ecco il programma degli incontri aperti al pubblico:

  • venerdì 9  e sabato 10 marzo presso il Centro Culturale One Way e alla libreria Emily Bookshop: incontro attorno alla pedagogia del Mammut e al Barrito dei Piccoli con educatori e altri cittadini nelle città di Reggio Emilia e Modena;
  • venerdì 23 marzo, presso il Centro Territoriale Mammut (Na): L’esposizione, una tecnica di Emma Castelnuovo. Conduce l’incontro laboratorio il Marco Marino, docente si scuola media inferiore;
  • sabato 22 aprile, presso Il Centro Territoriale Mammut (Na), laboratorio di serigrafia artigianale a cura di  Else Edizioni;
  • martedì 8 maggio: Scattiva di fine anno:  Presentazione alla città del percorso svolto, incontro presso sede da destinarsi (comunque a Napoli);
  • venerdì 24 maggio: Gioco e Filosofia con i bambini,  incontro con il ricercatore Luca Mori con cui parleremo del suo ultimo libro;
  • 5/6/7 ottobre 2018 : “Una tana per l’inverno”, incontro residenziale pratico teorico per una nuova scuola della pedagogia attiva”.  

Per informazioni e iscrizioni: mammut.napoli@gmail.com o 3385021673.