| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Martedì 16 Ottobre 2018




San Giovanni Bosco, novità per il pronto soccorso

ospedale sangiovanni boscoDopo tanto caos e non poca tensione sembra esserci qualche spiraglio per l’ospedale San Giovanni Bosco e in particolare per il pronto soccorso di quello che si presenta come uno dei nosocomi principali in città.

“Finalmente un passo in avanti” scrive sul suo profilo Facebook Ivo Poggiani, Presidente della III Municipalità del Comune di Napoli, richiamando le denunce per la mancanza di collaudi al pronto soccorso e la chiusura parziale di appena qualche settimana fa. Era il 13 dicembre, infatti, quando Poggiani aveva evidenziato, dopo un sopralluogo nella struttura, “una situazione allucinante”. In una nota inviata ai dirigenti il Presidente sottolineava non solo la mancanza del collaudo ma anche la carenza di personale e l’assenza del Triage informatizzato.

Finalmente i collaudi sono stati firmati” ha annunciato il Presidente Poggiani nelle ultime ore. “Entro pochi mesi il direttore dell'ASL Na 1 Forlenza ci ha garantito che tutti gli spazi del Pronto Soccorso saranno operativi” specifica e aggiunge: “La mia elezione a Presidente della Municipalità III è coincisa con l'inasprirsi di un procedimento già avviato e che ha portato e sta portando alla soppressione di alcuni - nonché quasi unici - baluardi sanitari storici del comprensorio della Municipalità che rappresento. Soppressione che ha avuto inizio con la chiusura del poliambulatorio ASL di Via Carlo de Marco, passando poi per la dismissione del Consultorio di Via Antonio Sogliano e con le problematiche connesse al poliambulatorio ASL Elena D’Aosta e che è proseguita con il rischio, parzialmente scampato, della totale chiusura dell' Ospedale San Gennaro” evidenzia Poggiani.

Uno scenario avvilente ed angosciante” lo definisce, non risparmiando un attacco al sistema sanitario “che a parole professa e auspica un potenziamento dei servizi ma che nei fatti va invece a disintegrarlo, senza tra l'altro predisporre e garantire una concreta e valida alternativa ad hoc per gli abitanti di uno dei quartieri più densamente popolati della città”.

Poggiani annuncia anche un’altra battaglia che sta portando avanti, ovvero la realizzazione di un unico polo vaccinale (quello di via Pietravalle) su tutto il territorio della III Municipalità: “Abbiamo lanciato l'idea di riaprire un punto all'interno dell'ex Leonardo Bianchi, altro patrimonio non valorizzato della città”. “Nel frattempo la prossima settimana – specifica - incontreremo di nuovo il Dottor Forlenza con il suo staff al San Gennaro per provare anche lì a fare qualche altro passo in avanti”.