Consulta femminile: solidarietà a vittime femminicidi

violenza donne 5“Profonda  solidarietà a tutte le donne e alle famiglie delle donne vittime degli atti criminali  e di femminicidio”: ad esprimerla le Consigliere della  Consulta sulla condizione femminile, guidata da Immacolata Troianiello.

“La cronaca degli ultimi giorni, che ha portato alla ribalta la storia di tre  donne vittime di violenza per mano dei loro compagni, ad Albenga, Bergamo e Pozzuoli, indigna l’opinione pubblica,  pone serie riflessioni e chiede risoluzioni all’agire politico – sottolineano -  “e consideriamo non più  procrastinabili alcuni interventi quali   il lavoro di destrutturazione di una subcultura  secondo cui la mascolinita’  si esprime attraverso il dominio, il controllo della donna, il possesso del suo corpo”.

“La violenza degli uomini contro le donne e’ espressione di un problema  strutturale della nostra società tuttora irrisolto, che è trasversale alle fasce generazionali,  alle classi sociali,  alla cultura, e ai contesti territoriali – proseguono – pertanto, occorre una sempre più assidua educazione alle emozioni che coinvolga uomini e donne, ragazzi e ragazze individuando e coinvolgendo  tutte le  istituzioni, in primo luogo quelle  scolastiche come luogo dove  educare al rispetto degli altri,  impegno che la Consulta intende portare avanti  nella sue funzioni istituzionali”. Infine, la Consulta sottolinea che agirà “per stimolare gli Enti preposti all'individuazione di politiche integrate per la tutela delle donne vittime di violenza,  o di maltrattamenti o di discriminazioni ,  e per favorire la loro emancipazione e il loro benessere”.