| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 5 Dicembre 2022




Il Natale di Sant’Egidio al tempo della pandemia

soup 3310066 960 720A Natale, la Comunità di Sant'Egidio, quando in tutto il mondo le famiglie si riuniscono attorno alla tavola, fa festa con una famiglia più larga fatta da senza fissa dimora, migranti e profughi, famiglie in difficoltà, anziani soli, carcerati. Una festa che ha resistito alle difficoltà della pandemia e che raggiungerà decine di migliaia di persone in Italia e nel mondo. 

Anche quest'anno - nel rispetto delle norme sul distanziamento e con tutte le precauzioni necessarie a prevenire la diffusione del virus – regalerà a tanti la gioia del Natale.

A Napoli, il 25 dicembre, alle ore 13, nella chiesa di San Severino e Sossio, ci sarà la Festa del dono, con la consegna di regali e di un pasto natalizio ai poveri che verranno. Sarà presente l’arcivescovo di Napoli don Mimmo Battaglia che assieme ai volontari della Comunità, accoglierà i poveri nella Basilica. 

Se attorno a noi aumentano la povertà e lo spaesamento, cresce anche l’impegno e la creatività affinché la festa di Natale raggiunga tutti: chi è più in difficoltà, chi è povero e solo, chi è senzatetto, chi è anziano e sente il peso dell’isolamento, i tanti che, forse per la prima volta nella vita, si sono trovati a dover chiedere aiuto perché impoveriti dalla crisi.

Nel giorno di Natale, sono previste altre Feste del dono nelle chiese di Sant'Antonio Ardia (Campi Flegrei) e S. Maria Assunta (Aversa), mentre le carovane della solidarietà raggiungeranno altri senzatetto, gli anziani isolati, i poveri sparsi nella città, percorrendo le strade dei Campi Flegrei, dei Quartieri Spagnoli, del Vasto e nelle zone del Mercato ittico, della Stazione marittima e del Molosiglio.

Altre distribuzioni verranno fatte nei giorni precedenti e successivi al Natale, raggiungendo anziani a casa e in istituto, rom, disabili migranti e carcerati. In particolare nel Carcere di Santa Maria Capua Vetere, non potendo fare il consueto pranzo, verrà distribuito un piccolo panettone a ciascun detenuto.

La Comunità di Sant'Egidio mantiene la tradizione e prepara una festa ricca di calore per i più fragili. Viene Natale, ed è davvero una luce in questo tempo reso difficile dalla pandemia, quella luce che da gioia e speranza a esistenze segnate dalla sofferenza e da vecchie e nuove povertà. Il segno di una città più umana che non lascia indietro nessuno. 

agendo 2023 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
gesco 30 anni
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale