| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
venerdì 15 Ottobre 2021




Portiamo la Musica a Napoli Est. La nuova campagna di raccolta fondi per la Fondazione Famiglia di Maria

musica napoli estLa musica come occasione di riscatto: ci prova e ci riesce la Fondazione Famiglia di Maria che sorge  nel quartiere San Giovanni a Teduccio. Fra le zone più giovani della città - qui troviamo la più bassa concentrazione di anziani, moltissimi giovani e giovanissimi – il territorio presenta diverse problematiche sociali, connesse all’alta dispersione e abbandono scolastico da parte di bambini e ragazzi.

Troviamo inoltre un’alta percentuale di reati commessi da minori, un elevato numero di madri adolescenti, basse prospettive occupazionali ed evidenti problematiche abitative. 

In questo contesto la Fondazione Famiglia di Maria, attiva da diversi anni nel quartiere, cerca di favorire il cambiamento per colmare le difficoltà socio economiche e culturali dei suoi abitanti e offre ai bambini, ai ragazzi e alle famiglie fragili, azioni di supporto continuativo ed un punto di riferimento stabile.

foto 1 presentazione sanpaolo

Portiamo la Musica a Napoli Est. Il progetto

Nella sua esperienza e  attività educativa, la Fondazione ha ottenuto buoni risultati grazie alla musica. L’integrazione di tecnologia e teoria musicale consentirebbe infatti agli studenti di raggiungere migliori prestazioni e risultati, non solo nella composizione musicale ma anche nello sviluppo di competenze trasversali utili nelle diverse discipline scolastiche. 

Il progetto si rivolge a 50 ragazzi e ragazze nella fascia d’età 12-16 anni, già ospiti della Fondazione e a studenti degli Istituti Comprensivi partner. In particolare, prenderanno parte alle attività ragazzi a forte rischio di dispersione scolastica, provenienti da nuclei familiari seguiti dai servizi sociali, ma con particolare attitudine e passione musicale. Un terzo dei ragazzi coinvolti, inoltre, sarà composto da bambini affetti da autismo e il laboratorio sarà integrato nel loro sostegno scolastico, infatti la musica offre, a chi è affetto da disabilità cognitive, un modo non invasivo per entrare in relazione e diventa mezzo di espressione e di comunicazione con gli altri. Una squadra multidisciplinare selezionerà i ragazzi e si occuperà dell’organizzazione delle attività seguendoli lungo tutto il percorso,  in modo da garantire ad ogni ragazzo una reale partecipazione.

La parola ad Anna Riccardi, presidente della Fondazione Famiglia di Maria

“Il progetto nasce grazie all’attenzione di Intesa Sanpaolo, ed è un esempio di sinergia positiva. Federica Tortora, responsabile dell’agenzia all’interno il polo universitario, della Digital Accademy, ha preso a cuore la nostra causa  – Racconta Anna Riccardi, presidente della Fondazione – Quando si è iniziata a concretizzare la possibilità di ottenere nuove risorse per le nostre attività, ho chiesto ai ragazzi “Cosa vorreste fare?”. Credevo che mi avrebbero chiesto un nuovo campetto di calcio, e invece mi hanno detto “vogliamo imparare a suonare”. La campagna di donazioni si è aperta il 1 ottobre 2021 e ha come obiettivo quello di raccogliere in tre mesi circa 165mila euro. “Ne approfitto per fare un appello a tutti i personaggi del mondo della musica e dello spettacolo in città – Prosegue Riccardi – metteteci la faccia, aiutateci a sensibilizzare l’opinione pubblica su questa iniziativa. Insomma, mettiamoci tutti i cuore, ma pure na cos’è sord!”

foto 2 incontro fondazione

Info:

Aderire alla campagna di raccolta fondi indetta da Intesa Sanpaolo, fai una donazione a :

https://www.forfunding.intesasanpaolo.com/DonationPlatform-ISP/nav/progetto/napoli-est-musica/donaora?t=

La campagna di crowdfunding è seguita dall’Agenzia CESVI

 Per informazioni sulla Fondazione Famiglia di Maria:https://www.famigliadimaria.it

Chiara Reale