| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 27 Settenbre 2021




Grande progetto Vesuvio, avviati i lavori della Strada Matrone

Lavori Strada MatroneAvviati i lavori di riqualificazione della seconda porta d’accesso al Gran Cono del Vesuvio del versante boschese: il sentiero numero 6 del Parco Nazionale del Vesuvio “La Strada Matrone”.

Dopo l’inaugurazione del sentiero numero 7, “Il Vallone della Profica” avvenuta il 18 novembre 2019, quella del sentiero numero 9 “Il fiume di Lava” avvenuta il 2 marzo 2020 e l’avvio dei lavori di riqualificazione del sentiero numero 11 “La pineta di Terzigno” del 21 dicembre 2020 e quasi vicini al completamento, sono partite le opere di realizzazione di uno degli interventi più importanti del “Grande Progetto Vesuvio”.

La Strada Matrone ricade nel perimetro della R.F.P. “Tirone Alto Vesuvio”, istituita dal Ministero delle Risorse Agricole e Forestali nel 1972, di proprietà del Demanio dello Stato ed in uso governativo al Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Caserta. Con atto di Convenzione tra Ente Parco e Carabinieri per la Biodiversità di Caserta, la Strada Matrone è stata affidata all’Ente Parco. Un asse viario di straordinaria importanza perché attraversa la Riserva Tirone ed è uno delle due direttrici che conducono al Cratere del Vesuvio.

Lavori Strada Matrone 1

Gli incendi dell’estate 2017 avevano compromesso la funzione d’uso della Strada Matrone, per le alte condizioni di rischio di schianto di alberi bruciati o scottati e di dissesto dei versanti instabili, tanto da determinare l’interdizione della viabilità e la fruizione turistica della stessa per consentire le necessarie attività di messa in sicurezza.  Tutto ciò ha reso necessario un complesso intervento di bonifica post incendio delle aree realizzato dal Reparto Carabinieri per le Biodiversità di Caserta, guidato dal Colonnello Michele Capasso.

Gli interventi prevedono la riqualificazione della Strada Matrone nell’ottica dell’attuazione del “Grande Progetto Vesuvio”. Come passi successivi è prevista l’implementazione della mobilità sostenibile con mezzi elettrici e la creazione di un info-point come centro d’accoglienza per i turisti.

«Sono molto contento dell’avvio di questo ulteriore importantissimo intervento - dichiara il Presidente dell’Ente Parco nazionale del Vesuvio Agostino Casillo - anche perché ci sono stati dei ritardi non dovuti all’Ente Parco che ne avevano rallentato la partenza. Ora sono convinto che viaggeremo spediti verso la realizzazione di questo ulteriore tassello del Masterplan del Grande Progetto Vesuvio. L’obiettivo è quello di riattivare in tempi brevi la seconda porta di accesso al Cratere del Vesuvio con partenza dai Comuni di Trecase e di Boscotrecase, e dotarla nel secondo step anche di un sistema di fruizione moderno e sostenibile». 

Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
gesco 30 anni
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale