| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 21 Ottobre 2020




Appello per rilanciare la salute mentale in Campania

medications 257344 960 720Le associazioni campane, in primis Psichiatria Democratica, Medicina Democratica che hanno promosso e firmato l’appello, in occasione delle prossime elezioni del 20 e 21 settembre 2020, rivolgono un invito ai candidati alla carica di Presidente e a quella di Consigliere della Regione Campania perché si impegnino a rilanciare i Servizi di Salute Mentale territoriali, progressivamente depauperati nel corso degli anni di risorse economiche e di personale.

Le associazioni chiedono ai futuri amministratori di sottoscrivere i seguenti impegni:

  • Investire in Salute Mentale il 5% del bilancio della Sanità regionale attraverso un piano per la Salute Mentale di comunità teso ad un pieno rilancio delle pratiche territoriali;
  • Sviluppare pratiche abitative per piccoli gruppi di utenti (gruppi appartamento, case supportate gestite con l’utenza etc.) in ragione degli straordinari risultati ottenuti laddove sono state concretizzate e così rigettare qualsivoglia concentrazione manicomiale pubblica o privata che siano;
  • Promuovere politiche per le attività domiciliari, attraverso le prestazioni offerte da tecnici della riabilitazione psichiatrica ed educatori sociali, volti a realizzare programmi individuali a favore di utenti ad alto carico, supervisionati e coordinati dagli operatori del CSM;
  • Promuovere l’inserimento di utenti nel mondo produttivo attraverso un “Patto regionale per il lavoro” promosso dalla Regione Campania e che coinvolga con il terzo settore le associazioni di artigiani, industriali, enti locali, al fine di garantire una continuità e una diversificazione delle offerte;
  • Potenziare i Centri di Salute Mentale (numero adeguato di personale e risorse per attività sociali) e gestione della crisi in ambito territoriale, attraverso l’attivazione dei Centro-crisi;
  • Adeguare il numero dei posti letto presso i Servizi di Diagnosi e Cura nelle cinque provincie, sufficienti a garantire una adeguata risposta alla cosiddetta urgenza in ambito ospedaliero, in stretta connessione con il territorio;
  • Dotare la Regione di un Ufficio per la Salute Mentale in grado di favorire il pieno ed uniforme sviluppo del programma concordato e verificato di volta in volta, con le diverse articolazioni funzionali delle AASSLL e con i rappresentati delle Associazioni attive in Campania;
  • Dare vita ad interventi differenziati di salute mentale a favore di fasce di popolazioni a rischio (giovani, anziani, detenuti, immigrati);
  • Rilanciare la centrale attività dei Centri Diurni di riabilitazione, attraverso programmi di riabilitazione personalizzati indispensabili all’integrazione sociale degli utenti.

Hanno aderito finora le seguenti organizzazioni: Airsam; Magistratura Democratica, sez. Napoli; Cittadinanzattiva Campania; Federconsumatori Campania; Associazione territoriale Mammut, Napoli; Associazione Vivi Quartiere, Napoli; Associazione Chi rom e...chi no; La Kumpania impresa sociale; Circolo La Gru, Scampia; Associazione culturale Civico 1; Associazione  Psich’è; L’Uomo e il Legno, coop. sociale; Associazione Humanitas Community; Gruppo di imprese sociali Gesco; Associazione familiari La Roccia; Coop. Soc. 180; Arte Musica e Caffe’, Coop. Sociale, Sfizzicariello; Associazione Buona Sanità; Fondazione di Comunità del centro storico, Napoli; Associazione Obiettivo Napoli; Coop. Sociale ME TI; Assoc. Ex OPG, “Je so Pazzo”; Associazione 3SP; CGIL ASL Napoli 1 centro.

WCT banner
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale