| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Martedì 29 Settenbre 2020




Povertà educativa, la sfida del progetto FACE

FACE Farsi comunità educanti Napoli Face ZoneOltre 2mila persone coinvolte tra bambini da 0 a 6 anni, genitori, insegnanti, cittadini, istituzioni e associazioni dei territori.
Napoli tra le città protagoniste nella costruzione della "comunità educante"

L’educazione di qualità e la scuola come centro della comunità sono l’antidoto per la povertà educativa, contro la solitudine delle periferie e per affrontare esperienze come il lockdown. É quanto emerge dal progetto nazionale FA.C.E – Farsi Comunità educanti selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo di contrasto alla povertà educativa. Il progetto è affidato alla capofila Fondazione Reggio Children - Centro Loris Malaguzzi che porta con sé l’esperienza educativa di Reggio Emilia.

FA.C.E. coinvolge dal 2018 quattro contesti difficili sul territorio nazionale - Napoli, Palermo, Reggio Emilia e Teramo - per costruire, grazie ad una educazione di qualità, luoghi, reti e legami che rafforzino le comunità. In particolare a Napoli il progetto vede in partnership l’istituto comprensivo 70 Marino Santa Rosa di Ponticelli, l’associazione Atelier Remida Campania e l’Assessorato all’istruzione del Comune di Napoli.

Dopo la fase a distanza svolta tra aprile e maggio, in autunno si svolgeranno i prossimi laboratori in presenza. Le quattro realtà territoriali, gli enti e le associazioni delle quattro città stanno programmando la ripresa e riprogettando le azioni pilota. Vi saranno percorsi di incontri dedicati a genitori e bambini suddivisi su più cicli per permettere il rispetto delle norme sanitarie anti Covid-19.

WCT banner
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale