| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Giovedì 18 Luglio 2019




Diritto al turismo, una possibilità per tutti

cosySancito dalla nostra Costituzione il ‘diritto al turismo’ decreta la possibilità di tutti i cittadini di accedere direttamente e personalmente alla scoperta delle ricchezze del pianeta. Un diritto di cui non tutti i cittadini possono in realtà fruire, non quelli con ‘bisogni speciali’ o almeno, non sempre.

Video

Cosy? Vuol dire ‘accogliente’

A rappresentare una piacevole voce fuori dal coro in tema di turismo accessibile è Peepul l’associazione di volontariato presieduta da Ileana Esposito (foto) che persegue tenacemente l’obiettivo di individuare, interpretare e rispondere ai bisogni speciali di alcune persone (disabili, anziani etc.) ideando e promuovendo proposte di qualità, basate su strategie innovative e politiche di cambiamento culturale. Ed è proprio da una costola di Peepul che nasce il progetto COSY FOR YOU finanziato con circa 150.000 euro dall’Unione Europea, un progetto unico nel suo genere, il primo così strutturato, che ha consentito di individuare, dopo una lunga, attentissima fase di monitoraggio, strutture accessibili e percorsi turistici idonei che permettano a tutti, ed in particolare ai disabili di ogni tipo, di accedere alle bellezze che offre la regione Campania con l’obiettivo di far crescere questa cifra del 20%.

Qualche numero

Ad oggi il ‘traffico’ dei turisti con bisogni speciali -individuato in 127 milioni di persone- muove in Europa circa 350 miliardi di euro, una cifra che arriva a 800 miliardi se si considerano anche gli accompagnatori. E in base ad una ricerca svolta da circa 600 tour operators, l’Italia è una delle destinazioni più ambite ma che soddisfa le esigenze dei turisti con bisogni speciali solo nella misura del 50%. Il 54% degli acquirenti, infatti, denuncia problemi legati ai trasporti, situazione che migliora leggermente (46%) quando si parla di hotel e di ristoranti (38%). Ma il picco di insoddisfazione raggiunto dal turista con bisogni speciali riguarda proprio i monumenti, i musei, solo l’8% di essi risulta accessibile.

Le strategie

In sinergia con operatori del settore, aziende, imprenditori, commercianti, associazioni di categoria e associazioni che operano su questi territori e che vogliono entrare nella rete progettuale, sostenendola allo scopo di ‘creare valore’ per tutti,soddisfacendo i bisogni di tutti i turisti, locali ed esteri COSY FOR YOU si propone quindi come buona pratica per la amministrazioni pubbliche e per i privati per portare da ogni parte del mondo in Italia ed in Campania un turismo consapevole realizzando itinerari turistici accessibili (20 sino ad ora, ma la mappatura è in costante aggiornamento) e mettendo a disposizione anche eventuali supporti di tipo specialistico per far fronte alle diverse esigenze di questa particolare clientela. Inoltre  ha un sito Web ed una App  che consentono a chiunque di scegliere il proprio viaggio senza problemi e senza ostacoli.

La formazione

Indispensabile per avviare un processo vero di cambiamento è la formazione di personale specializzato: è ancora aperto un bando di partecipazione (durata 64 ore)  per formare figure professionali in grado di accompagnare i turisti con bisogni speciali riservato a 80-100 corsisti impegnati a confrontarsi ed approfondire le  problematiche della disabilità, l'accoglienza e l'accompagnamento delle persone con bisogni speciali,  l'accessibilità e l'abbattimento delle barriere architettoniche nei contesti strutturali delle aziende turistiche, infine il problema del turismo accessibile e la catena turistica ad esso collegata.

Gli itinerari

Immaginati in tappe di circa 3-4 ore, gli itinerari sono concepiti per una fruizione ‘promiscua’ non cioè esclusivamente per turisti dai bisogni speciali, ma adatti a gruppi misti, portatori di esigenze diverse. Essi interessano il lungomare liberato, la collina panoramica, le ville di corte, la Napoli dei vicoli e quella ctonia, il centro antico, chiostri e chiese. E uscendo fuori dalle mura cittadine si spingono fino a Pozzuoli, Sorrento, e l’intera area vesuviana. Un ‘pacchetto’ che sarà presentato ufficialmente anche alla prossima BMT (26/28 marzo Mostra d’Oltremare) dove oltre 10.000 agenti di viaggio e 120 tour operarors stranieri riceveranno informazioni a riguardo.

Il cambiamento

L’obiettivo finale di COSY, (ma anche il suo punto di partenza) è un cambiamento di mentalità e di atteggiamento nei confronti delle persone con bisogni speciali attraverso azioni concrete di abbattimento di barriere strutturali, culturali e sensoriali. Un cambiamento che deve avvenire prima di tutto in capo alle istituzioni: e il Comune di Napoli infatti è sostenitore dell’iniziativa promossa da Peepul insieme con i tour operator Flag srl, Aritur srl, Airon Tour srl, Emmegi srl, Ischia Business.

SHG

© RIPRODUZIONE RISERVATA