| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
venerdì 15 Ottobre 2021




Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale Condivisa

Alla Mostra D’Oltremare dal 27 marzo al 6 aprile

spazio-alla-responsabilitaDivulgare la Responsabilità Sociale come leva propulsiva dello sviluppo del nostro territorio e la sostenibilità come unico modello di riferimento possibile,  questo lo scopo del II° Salone Mediterraneo della Responsabilità Sociale condivisa, alla Mostra d’Oltremare di Napoli dal 27 marzo al 6 aprile.  

Spazio alla Responsabilità è  il 1° marketplace del Mediterraneo avente come obiettivo il "contagio" di tutti gli attori del suo tessuto economico, politico e sociale con lo scopo di considerare il Mediterraneo quale vero volano di un rilancio italiano ed europeo non lasciandolo estraneo a quel movimento di idee e di azioni che spesso non supera la barriera sud di Roma. Il Salone mediterraneo della RSC si innesta in due eventi fieristici di primaria importanza -  EnergyMed e Borsa Mediterranea del Turismo e il coinvolgimento dei primari istituti universitari risponde infine all'esigenza di  "contagiare" anche le nuove generazioni quali attuali cittadini e futuri attori del nostro sviluppo.  
Nove giorni sono dedicati alla RSC (responsabilità sociale condivisa)  per presentare attraverso convegni, workshop ed aree espositive,  gli studi e le buone pratiche ad alto contenuto "virale" ed alimentare il dibattito necessario e propedeutico ad una sua piena "istituzionalizzazione" anche nei nostri territori. 
I protagonisti sono organizzazioni, pubbliche e private, profit e no profit, che intendono il concetto di responsabilità sociale come propria dimensione strategica; Enti ed Istituzioni che promuovono i principi della RSC a livello nazionale ed internazionale; progettualità in ambito socio-culturale, con particolare riferimento al terzo settore, che possono trovare nelle aziende del nostro territorio importanti partner per  la loro realizzazione; i più innovativi modelli di impresa sociale quale naturale anello di congiunzione e coniugazione virtuosa tra il know-how del profit e aspirazioni ideali del no profit.

Il gruppo di imprese sociali Gesco e l’agenzia di promozione della cooperazione sociale L’Ape prenderanno parte ai due principali eventi fieristici in cui si innesta la seconda edizione dell’iniziativa: EnergyMed, con il focus su Ambiente e Risorse (dal 27 al 29 marzo h 9.30/19/30, Padiglione 5), e Borsa Mediterranea del Turismo, con il focus Turismo e Territorio (dal 4 al 6 aprile h 9.30/18.30, Padiglione 3).

In particolare, Gesco – con il marchio Farepiù e il portale Napoliclick.it – e L’Ape saranno presenti per l’intera durata dei due eventi con un desk espositivo di carta riciclata, mettendo a disposizione di cittadini e imprese libri, gadget e materiali informativi sulle attività del gruppo. Inoltre, porteranno la loro esperienza e il loro contributo attraverso due workshop tematici.

Il primo sarà dedicato alla salute, tema che non può essere affrontato senza tener conto della questione ambientale e dei nuovi approcci eco, e si svolgerà sabato 29 marzo alle 12 presso la Sala Med. Il secondo si terrà venerdì 4 aprile alle 9.30 presso la Sala Agorà e sarà dedicato al tema della comunicazione sociale e delle buone prassi, a partire dal “Vocabolario Sociale”, un vademecum all’utilizzo delle parole giuste quando si trattano i fenomeni sociali.

Si prevede, inoltre, la partecipazione di referenti del gruppo Gesco e dell’Agenzia L’Ape ad alcuni momenti di dibattito previsti dalla manifestazione. In particolare, venerdì 28 marzo alle 16.00 Raffaella Palladino, presidente della cooperativa Eva/gruppo Gesco, parteciperà al convegno “Genere e RSI: la strada del rilancio sociale ed economico”; mentre Luca Sorrentino, presidente dell’Agenzia L’Ape, interverrà sabato 5 aprile alle 16,00 all’incontro “RSI e Accountability, dal quadro normativo al bilancio sociale”.

Il programma del 2014 (link che si apre allegato)

 

I temi del 2014

Le novità per l’edizione 2014 si focalizzano nell’impegno a diffondere modelli produttivi che nel coniugare la sostenibilità economica con quella sociale ed ambientale delle proprie attività concorrono allo sviluppo competitivo del territorio.

In tal senso, spazi espositivi e momenti di confronto saranno dedicati:

all’Agricoltura sociale, in collaborazione con il Forum dell'Agricoltura Sociale ed il Nuovo Consorzio Organizzato, per presentare casi di successo e diffondere modelli di riferimento in grado di legare la gestione dei processi produttivi nel rispetto e tutela dei territori con la creazione di servizi e di benessere per le persone coinvolte contribuendo all’evoluzione dei sistemi di welfare ed allo sviluppo delle aree rurali; particolare attenzione sarà dedicata alla relazione tra legalità ed economia sociale, inteso proprio quale antidoto all’economia criminale;

al Packaging sostenibile, in collaborazione con 100% Campania, la prima rete d’imprese campane dedicata allo sviluppo di una recycling society, per unire competenze e risorse legate alla fornitura di packaging innovativo, sostenibile e certificato, realizzato secondo un ciclo di produzione e di distribuzione locale che parte dalla raccolta differenziata, generando valore dal territorio per il territorio. Un'occasione importante dunque per presentare casi di successo e sensibilizzare tutti gli attori del sistema economico sulle opportunità di conquistare competitività attraverso il recupero, riuso e riciclo delle materie prime seconde;

all'Editoria responsabile, in collaborazione con Fondazione Pol.i.s per promuovere l’adozione di politiche di RSI nella governance delle aziende nel settore editoriale, fortemente in crisi per una carenza di innovazione del comparto, con l'obiettivo di accrescerne competitività e redditività, saranno presentati casi di successo e prodotti editoriali declinati sul tema della responsabilità sociale prevedendo anche momenti di confronto tra lettori, scrittori ed editori.

Trasversalmente ai tre focus con particolare riferimento alla parte convegnistica, dedicata alla diffusione dei principi e delle buone prassi in tema di RS saranno approfonditi, in collaborazione con imprese, P.A, organizzazioni sindacali , datoriali e di categoria i temi legati:

- al mondo del lavoro, con particolare riferimento alla salute e sicurezza, valorizzazione delle diversità, politiche di conciliazione e welfare aziendale, formazione e sviluppo delle competenze (secondo una ricerca EURISKO, il 92% dei lavoratori intervistati in Italia sostiene che la responsabilità sociale ha un effetto positivo sulla propria motivazione e fedeltà all'azienda);

- al mondo del credito e della finanza sostenibile, per dimostrare, da un lato, che quando esiste un corretto approccio risponde il sistema bancario, funziona la struttura degli incentivi e cresce l'impresa e sollecitare, dall'altro lato, maggiori quote di risorse destinate dal settore bancario alle imprese “virtuose” per facilitarne l’accesso alle fonti di finanziamento grazie ad una riduzione del profilo di rischio e ad una accresciuta autorevolezza;

- al Terzo Settore ed all’impresa sociale quale coniugazione virtuosa tra il know-how positivo del profit e la capacità di dare risposte alle istanze del territorio del no profit;

- al dibattito attivo a livello nazionale sull'evoluzione del modello della RS con particolare riferimento al Piano d’Azione nazionale sulla responsabilità sociale d’impresa 2012-2014 presentato dal governo italiano, come da ciascun governo della UE, su proposta della Commissione per illustrare le azioni prioritarie e i progetti su cui intende far leva per la realizzazione della “Strategia rinnovata dell’UE per il periodo 2011-2014 in materia di responsabilità sociale delle imprese”;

- agli strumenti della RSI e della rendicontazione sociale (fundraising, bilancio sociale/sostenibilità, certificazione SA8000, codici etici, ecc.) sottolineando che, pur coniugando il proprio business con comportamenti responsabili, chi non li rende noti alle parti interessate è come se si “auto destinasse” alla perdita progressiva ed irreversibile di quote di mercato non potendo soddisfare le istanze di trasparenza provenienti dal mercato.

Info: http://www.spazioallaresponsabilita.it/

© RIPRODUZIONE RISERVATA