| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 5 Agosto 2020




Fiocchi in Ospedale

Sostegno a più di 1000 tra neomamme e bambini

Fiocchi in Ospedale CardarelliSostegno a più di 1000 neomamme e bambini. Primo bilancio di Fiocchi in Ospedale, il progetto di Save the Children sostegno pre e post parto avviato all’Ospedale Cardarelli di Napoli a partire da luglio 2013.

In poco più di un anno di attività presso, 520 neo e future mamme e 523 bambini, insieme ai papà e ad altri adulti di riferimento, hanno potuto ricevere un sostegno specifico pre e post parto grazie al progetto realizzato da Save the Children, l’organizzazione che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e difendere i loro diritti, in partnership con l’associazione PIANOTERRA e in collaborazione con l’Azienda Ospedaliera stessa.  
L’intervento della durata di due anni realizzato presso l’Ospedale Cardarelli, dove avvengono una media di 1.000 parti all’anno, di cui più di un terzo con assistenza a mamme con gravidanza definita “a rischio”, si è posto l'obiettivo di accompagnare i neo genitori, soprattutto in condizioni di particolare vulnerabilità, sociale e psicologica, creando attorno ad essi un ambiente sereno e forte, grazie al supporto e ai servizi per la cura dei primi importantissimi giorni e mesi di vita del bambino.
“L’arrivo di una nuova vita rappresenta un momento particolarmente delicato per la mamma e per l’intera famiglia. In Italia una donna su dieci soffre di disturbi post-partum e di queste, il 20% rischia, entro il primo anno di vita del bambino, di divenire vittima di forme gravi di depressione, mentre 1 su 3 va incontro a forme meno gravi che si attenuano nell’arco di 5-6 mesi dopo il parto. A questo si aggiungono, nel caso di particolari fragilità materne o familiari, i problemi legati ad esempio a condizioni di povertà assoluta, che riguarda ormai purtroppo il 14,1% dei minori in Campania, alla troppo giovane età dei matrimoni precoci, a situazioni di solitudine o mancata integrazione nel caso di genitori immigrati, tutte realtà che abbiamo ripetutamente incontrato nella nostra attività qui a Napoli, e che possono compromettere il benessere dei neonati e la stabilità del contesto familiare fino alle conseguenze più gravi. La disponibilità di un sostegno attento e dedicato prima e dopo il parto, che inizia subito all’interno della  struttura ospedaliera e può continuare successivamente, se è il caso, anche all’esterno, può fare la differenza e attivare le migliori risorse dei genitori e della comunità in favore dei bambini nuovi arrivati”, ha dichiarato Raffaela Milano, direttore dei programmi Italia-Europa di Save the Children.     
Le attività di ascolto e consulenza individuali o di gruppo (compresa la mediazione linguistico-culturale, se necessaria), realizzate da un team specializzato in uno spazio dedicato all’interno dell’Ospedale -  Padiglione C, secondo piano, aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00 (solo il lunedì dalle 10.00  alle 14.00) -, comprendono il sostegno all’allattamento, accudimento e puericultura, supporto psicologico e sociale, e si estendono anche al rafforzamento delle collaborazioni tra i reparti di ostetricia e terapia intensiva neonatale, alla facilitazione delle collaborazioni tra le unità del materno-infantile e i servizi territoriali per la presa in carico dei casi di malessere genitoriale e di disagio socio-economico, e alla realizzazione di una dimissione protetta nei casi particolarmente critici (mamme sole, giovani, neomamme straniere, donne in condizioni di povertà economica, emergenza abitativa, tossicodipendenze o sfruttamento) con un supporto continuativo.
Grazie alle attività svolte, Fiocchi in Ospedale è diventato un punto di riferimento anche per le donne in gravidanza: la realizzazione di un corso pre-parto “last minute” per spiegare alle donne in attesa del primo figlio quello che succederà da lì a poche ore è una delle attività più richieste dalle partorienti. Gli operatori di Fiocchi in Ospedale promuovono inoltre l’orientamento ai servizi del territorio e una rete di sostegno tra le mamme stesse: gruppi di confronto e supporto tra neo genitori di bambini nati prematuri, organizzazione di momenti di scambio di materiale per i neonati (vestitini, passeggini e accessori per i piccoli) e incontri con esperti su esigenze specifiche.

 Info: www.savethechidlren.it

AdG

Foto di “Riccardo Venturi per Save the Children”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

WCT banner
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale