| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 29 Gennaio 2020




Documento d’Indirizzo superamento Emergenza Nord-Africa

Una petizione per le istituzioni che parte dal basso.

rifugiati-in-albergoL’Associazione Garibaldi 101 firma insieme alle associazioni attive sul tema delle migrazioni a Napoli il Documento d’Indirizzo superamento Emergenza Nord-Africa”: una petizione rivolta alle istituzioni locali che verrà presentata al prefetto di Napoli per denunciare la pessima gestione del Piano per i rifugiati. Venerdì, 16 novembre dalle 19.00 nel Centro Bancarotta a Bagnoli si presenta il documento pubblicamente con l’esibizione dell’Orcherstra Multietnica Mediterranea.

Sono 2278 i richiedenti asilo residenti in Campania alloggiati in strutture alberghiere e simili che da un anno e mezzo vivono “una storia di irresponsabilità istituzionale, di scarsissima trasparenza e di inefficienza”come ha più volte denunciato l’Associazione Garibaldi 101.
L’Associazione sta promuovendo in questi giorni il “Documento d’Indirizzo superamento Emergenza Nord-Africa” per denunciare la pessima gestione dell’Emergenza della Protezione Civile e chiedere alla prefettura e alle istituzioni locali spiegazioni sulle modalità di adempimento del Piano per il superamento dell’Emergenza, nonché per avanzare proposte concrete per la futura gestione. Al Documento hanno aderito sin ora: Associazione Senegalesi Napoli; Assopace SessAurunca; Ciss; Centro Territoriale Mammuth; Rete Primo Marzo di Napoli; Rete Commons Benevento; Liberi Pensatori; Ska Skuola Popolare di Italiano; Bancarotta; Forum Antirazzista della Campania; Uniti per Unire; Associazione Kaledo; Società Italiana Medicina delle Migrazioni.

A dicembre i rifugiati ufficialmente verranno sloggiati dagli alberghi e coloro non hanno ottenuto il permesso di soggiorno invitati a lasciare il paese. Voci di corridoio parlano di un’ulteriore proroga di sei mesi del piano emergenza. “I richiedenti asilo hanno già ricevuto gli inviti a recarsi in questura  a gruppi per firmare la carta per accedere alla possibilità del permesso umanitario, circolare lacunosa di cui abbiamo parlato con i richiedenti asilo. L'appello è stato tradotto e fatto girare tra i richiedenti asilo, ma non ci sono grandi entusiasmi, ma solo voglia di scappare altrove. Di fatto anche qualora il piano si prolungasse, se le modalità restassero le stesse utilizzate fin ora, ci troveremmo di fronte uomini e donne senza alcuna speranza. Bisogna inoltre ricordare che i fondi utilizzati sono pubblici e il fatto che le rendicontazioni delle spese sostenute non siano a disposizione è criminoso anche nei confronti dei contribuenti” - spiega Yasmine Accardo di Garibaldi 101.

Si legge nel Documento d’Indirizzo superamento Emergenza Nord-Africa: “Il 6 aprile 2011 è stato sottoscritto un accordo tra Comuni, Province, Regioni e Governo centrale per condividere e coordinare l’accoglienza sull’intero territorio nazionale dei profughi provenienti dalla Libia. Il ruolo della protezione civile veniva definito “temporaneo e transitorio in questa emergenza”, concordando tutti in quella sede, sul fatto che la materia dell’accoglienza e dell’assistenza per i richiedenti asilo necessita il coinvolgimento in prima persona del mondo dell’associazionismo e della cooperazione sociale, oltre che delle strutture delle Regioni e degli enti locali responsabili dei servizi sociali e dei servizi alla persona in genere.
Allo stato attuale nulla è stato fatto. Non si è usciti dallo stato di emergenza. Non si è mai passati alla fase due che richiedeva il coinvolgimento delle associazioni nella gestione di un così elevato numero di richiedenti asilo. Tutto è rimasto in mano agli albergatori, inadeguati a gestire una situazione così complessa.
Sono stati spesi circa 2 miliardi e mezzo di euro che avrebbero dovuto garantire servizi come: formazione lavoro, mediazione culturale e legale, apprendimento della lingua italiana, tempo libero. Gli unici garantiti sono stati Protezione Civile, Regione ed Albergatori. Una truffa mastodontica, inaccettabile. La scarsa assistenza, l’abbandono negli hotels ha generato in troppi casi depressione ed avvicinamento a lavori pericolosi. I richiedenti asilo lavorano a Rosarno, Foggia dove l’unica garanzia è la schiavitù! Fin troppo facile il contatto con la camorra locale, vista anche la collocazione di alcuni hotels (uno addirittura a 250 metri dalle vele di Scampia). Ancora una volta abbiamo permesso la criminalizzazione delle fragilità, l’abuso e l’esclusione. Tutto questo con i nostri soldi”.

Il Presente: “Ed ora arriva il Piano di Uscita dell’Emergenza, che a due mesi dalla fine propone corsi di formazione lavoro, inserimento lavorativo e l’uscita dei richiedenti dagli hotels a fine dicembre! Un altro fiume di denaro, che porterà ad altre truffe ed ingiustizie: Se nulla è stato fatto in un anno e mezzo cosa si crede di poter fare in due mesi? Come verrà affrontata l’emergenza di circa 900 persone, solo a Napoli, per strada dal 31 dicembre? Cosa succederà alle famiglie ed alle donne non accompagnate? Come verranno spesi i soldi di questo nuovo Piano(80 milioni di euro per inserimento lavorativo; 5000 euro per mille richiedenti asilo su 25.000 per formazione lavoro)? Perché rendere permanente il Tavolo di monitoraggio regionale se è stato così inefficace durante quest’emergenza? Quando e come verranno coinvolte le realtà locali?”

romilda-bocchettiVenerdì 16 novembre le comunità migranti presenti sul territorio incontreranno i richiedenti asilo per un evento sul tema dei rifugiati che metterà insieme testimonianze, musica e cucina.
L’evento si svolgerà a partire dalle 19.00 nel Centro Bancarotta, edificio un tempo utilizzato come banca in via Coroglio a Bagnoli, vicino all’ingresso dell’ex fabbrica Italsider.
Alle 19.00 le comunità dei migranti proporranno i loro prodotti artigianali e piatti di cucina tipica e verranno proposte anche le clementine di Rosarno, simbolo della schiavitù agricola di Foggia e del Salernitano. Alle 20.00 sarà il momento delle poesie e alle 21.00 dei filmati di Mario Leonbruno e Luca Romano.
Alle 22.30 inizierà il concerto dell' Orchestra Multietnica Mediterranea, nata nel 2012 e composta da 18 musicisti provenienti da vari paesi del mondo, tra cui alcuni rifugiati dell’emergenza nord Africa.

Per adesioni al Documento contattare Garibaldi Centouno su fb, mail: garibaldicentouno@facebook.com

Alessandra del Giudice

agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
napoliclick
amicar 500

Archivio Napoli Città Sociale