| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Giovedì 23 Gennaio 2020




Pizzaman, Il paladino napoletano per gli 8 anni di “Arte Musica e Caffè”

Arte Musica e CaffeSono passati otto anni dalla nascita di “Arte Musica e Caffè”, un’impresa sociale coinvolge direttamente i sofferenti psichici occupati nella preparazione di cibi scelti e di qualità e nell’organizzazione di eventi artistici. E oggi, a festeggiare con loro arriva “Pizzaman” un paladino napoletano che ha dalla sua tutte le doti di un supereroe per combattere i cattivi della nostra città.

Era il 2004 quando l’AFASP Campania, Associazione Familiari ed Amici Sofferenti Psichici invitò i suoi sostenitori a costituire una cooperativa sociale in cui i loro cari potessero lavorare: nacque così, nel gennaio 2007, “Arte Musica e Caffè”. Un piccolo traguardo per una sfida intrapresa, come raccontano gli stessi fondatori, quasi inconsapevolmente ma con la chiara percezione di una felicità di fondo: “molti di noi sapevano che saremmo diventati protagonisti del nostro futuro”.

“Ho imparato che fare l’imprenditore e soprattutto del sociale lo si apprende facendolo, e che le infinite e a volte insormontabili avversità si possono provare a superare soltanto con l’intelligenza dell’umiltà di imparare, il continuo desiderio di innovare e soprattutto con l’amore in ciò che si fa. – racconta Carlo Falcone, presidente della Cooperativa  - . Le nostre scelte e linee guida sono state: aprirci alle persone senza intermediari, rispettare la dignità di chiunque, non chiedere finanziamenti pubblici e capovolgere il concetto di integrazione socio-lavorativa nel senso che le persone con disagio psichico vengono curate non attraverso una classica struttura sanitaria bensì una semplice attività lavorativa”.

Oggi “Arte Musica e Caffè” si occupa di servizi di Catering & Banqueting, preparazione di cibi scelti e di qualità e dell’organizzazione di convegni, eventi artistici e mostre. C’è anche un punto vendita,  lo “Sfizzicariello” di Corso Vittorio Emanuele 400 (tel. 0815641506) aperto tutto il giorno dal lunedì al venerdì(ore 8.00-20.00) e la mattina del sabato (8.00-14.00) che propone pane, rosticceria, prodotti gastronomici nostrani, primi e secondi piatti, contorni e dolci della tradizione ma non solo. Qui, infatti, i giovani hanno la possibilità di interagire con il pubblico superando la loro precedente condizione di emarginazione, quasi a riprova che sebbene secondo il senso comune una persona con disagio psichico non abbia alternativa nella vita al restare in carico dei propri famigliari o di un centro, esistono infiniti modi di fare “riabilitazione psichiatrica”.

L’esperienza di questa cooperativa ha ottenuto ottimi risultati sia dal punto di vista terapeutico che di integrazione sociale. Racconta sempre Carlo Falcone: “Spesso fisso degli appuntamenti presso Sfizzicariello con familiari che vogliono inserire nei nostri percorsi riabilitativi i propri congiunti e più volte è capitato che non riuscivano a trovare il locale in quanto non si aspettavano una rosticceria bensì un centro socio-sanitario. E spesso una volta entrati non credevano che i commessi e i cuochi fossero persone con una disabilità psichica uguale se non superiore a quella dei propri figli che ritenevano incapaci di far qualunque cosa. Quindi una dimostrazione reale che vale più di mille parole da me dette”.

Anche l’aspetto economico-finanziario non va sottovalutato: la cooperativa si sostiene solo e soltanto con i proventi delle proprie attività. I prezzi sono competitivi e si punta a raggiungere una clientela sempre attenta, non solo alla qualità delle produzioni ma anche al loro ritorno sociale: “la determinazione di dar un futuro a questi ragazzi è grande, il vedere nei loro occhi la gioia di vivere e di tentare da protagonisti di creare una cooperativa in cui lavorare, abbandonando il tempo vuoto del non far nulla in casa, ci dà la forza di crederci e di andare avanti. Il nostro pronostico è che da questa iniziativa ne possano nascere tante altre, nel nostro sud, rompendo quel muro di indifferenza che sta attorno al disturbo psichico”. E al loro fianco, da oggi, c’è anche "Pizzaman - Il paladino napoletano", protagonista di una web series.

Guarda l’episodio pilota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
napoliclick
amicar 500

Archivio Napoli Città Sociale