| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Lunedì 27 Gennaio 2020




Violenza sulle donne, Casa Fiorinda e gli altri servizi del Comune di Napoli

Una rete per rompere il muro di silenzio e contrastare la violenza di genere

casa-fiorindaC’è ancora molto da fare per rompere il muro di silenzio che circonda la violenza sulle donne. Donne sole e in difficoltà, spesso vittime inconsapevoli di una violenza che si fa fatica ad accettare, ancora più se ad essere coinvolti sono i propri bambini. Anche se non si denuncia, la violenza è in crescita e la vera emergenza è la violenza domestica.

 Le donne vittime di violenza possono rivolgersi al centro antiviolenza più vicino dove possono, in qualsiasi momento, denunciare l’abuso e chiedere un consiglio a persone qualificate pronte ad ascoltarle. A disposizione 24 ore su 24 tutti i giorni anche il Numero verde Antiviolenza del Dipartimento Pari Opportunità del Governo 1522.

Il Comune di Napoli

LOCANDINA CAV

Il Comune di Napoli offre consulenza gratuita psicologica e legale attraverso una serie di attività coordinate che fanno capo al Centro Donna. Il centro antiviolenza del Comune è attivo in via Concezione a Montecalvario 26. Centro Donna, tra gli altri, offre anche il servizio biblioteca e archivio documentazione specializzato nelle tematiche di genere (aperto dal lunedì al venerdì); un servizio di informazione e formazione sulla cultura di genere (previo appuntamento); uno di segretariato sociale, che offre ascolto telefonico, accoglienza e consulenza a donne che richiedono informazioni sui loro diritti (per maggiori informazioni:800864781; centrodonna@comune.napoli.it). Nell’ambito dello storico progetto antiviolenza “Aurora”, nel 2014 sono stati anche attivati gli sportelli antiviolenza per ogni singola Municipalità, coordinati con la sede centrale, in linea con le normative internazionali, nazionali e regionali che stabiliscano la presenza dei centri in ogni ambito territoriale. 

Casa Fiorinda

Accanto agli sportelli - inseriti in una rete antiviolenza grazie a un protocollo d’intesa tra il Comune di Napoli, i servizi pubblici e il terzo settore - c’è Casa Fiorinda, una struttura che offre ospitalità alle donne vittime di violenza in un luogo protetto. Si tratta dell’unica esperienza a Napoli specializzata nell’accoglienza di donne vittime di violenza con o senza figli, ripartita recentemente dopo uno stop imposto dalla mancanza di fondi. A partire dalla valorizzazione delle esperienze già fatte, come quella di Casa Fiorinda e degli sportelli antiviolenza delle Municipalità, l’assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Napoli vuole partire per ristrutturare le politiche, i servizi e gli interventi di genere. Insieme ai servizi sociali e alla rete antiviolenza delle associazioni, l’assessorato ha infatti lavorato nella direzione di superare l’articolo 403 – articolo che stabiliva l’allontanamento delle donne da un ambiente casalingo violento solo in relazione alla presenza di un minore. Ora, invece, sarà il Comune a prenderle in carico pagando la retta in apposite strutture.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

agendo 2020 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
napoliclick
amicar 500

Archivio Napoli Città Sociale