| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
venerdì 9 Dicembre 2022




L’Afro Napoli non muore mai: De Fenza gela il San Giuseppe!

De FenzaLa gente è letteralmente impazzita, la curva va in delirio, il Vallefuoco diventa una bolgia pazzesca, e i tifosi biancoverdi esultano dalla gioia abbracciandosi tra di loro e intonando cori d’amore per la propria squadra.

Emozioni forti, incancellabili che arrivano di colpo alla mente di tutti quelli che hanno assistito al pareggio dell’Afro Napoli siglato all’ultimo respiro da De Fenza ai danni del San Giuseppe. La sua seconda rete in campionato ha messo a dura prova le coronarie dei supporter multietnici facendole quasi impazzire dalla contentezza. Se da un lato il volto dei leoni grondava di somma letizia al fotofinish contemporaneamente quello dei calciatori ospiti era talmente trasfigurato da provare la stessa sensazione di chi deve incassare un colpo basso nella vita tanto da strapparsi i capelli. Per la cronaca addirittura il San Giuseppe si permette impavidamente in casa del carro armato ambrosiano di sfidarlo a viso aperto tanto da fare la voce grossa in modo inaspettato. Nessuno prima degli uomini di Cutolo si era permesso in questo torneo di impensierire il club di Gargiulo nella sua roccaforte. I fuochi d’artificio del match si aprono al 9’: Babù prende in prestito le gambe di Usain Bolt, lascia sul posto una miriade di avversari dall’out di destra  e con la coda dell’occhio serve Jatta che dinanzi a Rastiello non sbaglia. Gli ospiti firmano prima il pareggio su rigore (discutibile) al 36’ con Urna (il migliore in campo dei suoi) e poi attuano il sorpasso con Flauto sul finire della prima frazione di gioco. L’Afro Napoli però dispone di molecole intarsiate di orgoglio, tratto tipico dei top club, e ristabilisce la parità con una perla a giro di Babù al 9’, all’inizio della ripresa. L’undici di Ambrosino può recriminare per un mancato rigore al minuto 19 che sarebbe stato giusto concedere: lancio splendido dalle retrovie di Velotti per Jatta che veste i panni di Speedy Gonzales, scappa via sulla fascia sinistra, ingaggia un duello con Librone che lo atterra in area di rigore ma per la terna arbitrale è tutto regolare e questa decisione ingiusta scatena le proteste vibranti sia da parte della panchina che della tifoseria biancoverde. L’entrata killer di Rastiello al minuto 23’ (da fuori dell’area di rigore per fermare l’avanzata di Redjehimi) non viene sanzionata dal direttore di gara con una sacrosanta espulsione e fa accasciare al suolo il suo compagno di squadra Criscuoli ragion per cui il gioco viene fermato dall’arbitro e poi viene ripreso dopo 12 minuti fino a quando l’ambulanza non entra in campo per soccorrere il numero 5 e trasportarlo in ospedale. Il San Giuseppe ripassa in vantaggio con Di Luccio al 45’ mentre l’arbitro concede nel frattempo 14 minuti di recupero. Mentre l’incubo della sconfitta sembrava ormai scritto nel destino dell’Afro Napoli ecco che arriva il guizzo di De Fenza su assist di Arcobelli a pochi secondi  dal termine. Ora basterà alla capolista vincere la prossima gara in casa contro la Neapolis per aprire il registro ed essere promossi con voti di Eccellenza.

AFRO NAPOLI UNITED-SAN GIUSEPPE:3-3

AFRO NAPOLI UNITED: Catuogno, Iervolino A. (57’st Soares Aldair), Velotti, De Fenza, Acito, Rinaldi, Marigliano F. (55’st Maradona Jr), Suleman (45’st Arcobelli), De Oliveira Anderson, Jatta, Redjehimi. All. Ambrosino.

SAN GIUSEPPE: Rastiello, Librone, Savarese, Iervolino R., Criscuoli (33’st Rubino), Zamprano, Urna, Menzione L. (57’st Paciello), Auricchio (39’st Di Luccio), Flauto (7’st Ranieri), M. Menzione. All. Cutolo.

ARBITRO: Di Minico di Ariano Irpino.

RETI: 9’pt Jatta, 36’pt Urna, 44’pt Flauto, 9’st De Oliveira Anderson, 45’st Di Luccio, 60’st De Fenza.

NOTE: Ammoniti Velotti, Redjehimi, Savarese, Ranieri.

Alessio Bocchetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

agendo 2023 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
WCT banner
gesco 30 anni
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale