| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Mercoledì 12 Dicembre 2018




La Scugnizzeria

Apre lo spaccio di cultura di Melito-Scampia

scugnizzeriaL’associazione Vodisca inaugura la sua nuova casa, una piazza di spaccio di libri, una scuola di teatro. E’ la Scugnizzeria, la casa degli Scugnizzi a Scampia-Melito. “Sarà un presidio di cultura che vuole portare i ragazzi in periferia invertendo l’impulso a fuggire”, spiega Rosario Esposito La Rossa fondatore di Vodisca e editore della Marotta&Cafiero.

Sabato 23 settembre alle 18, all’interno del Parco Prima Casa, via Circumvallazione Esterna 20 A, al confine tra Melito e Scampia, sarà inaugurata dai ragazzi, la Scugnizzeria, ovvero la casa degli Scugnizzi. Uno spazio di 140 mq totalmente dedicato ai giovani del territorio. Saranno presenti Mina Welby e l’onorevole Michela Rostan, melitese, che sin dall’inizio ha sostenuto in tutti i modi l’apertura di questo centro di formazione a Melito e che da tempo segue i ragazzi di Vodisca nell’svariate attività organizzate a livello locale e nazionale.  “La Scugnizzeria sarà tante cose, innanzitutto una Piazza di Spaccio di Libri- racconta il trentacinquenne Esposito La Rossa- , la prima enolibreria di Scampia e Melito, dove potranno essere acquistati libri terroni, made in sud, ma anche prodotti tipici, miele, vino, artigianato locale e cd musicali. I pusher dell’associazione sono in fermento per vendere la prossima dose di creatività”.

vodisca 2

La lotta contro la camorra di Rosario Esposito La Rossa, della compagna di battaglie e di vita, l’attrice Maddalena Stornaiuolo, e di tutti i ragazzi di Vo.di.Sca. inizia oltre dieci anni fa. L’associazione che prima aveva sede nel TAN Teatro Area Nord di Piscinola è impegnata in attività culturali e sportive come la scuola calcio di Scampia che ospita 600 ragazzi tra i 6 anni e i 17 anni, il 40% dei quali non può pagare la retta e segue i corsi gratuitamente, e collabora con storiche realtà come il Mammut e il Gridas. “La nostra antimafia è quella a cui puoi stringere la mano, non ci sono eroi, ma giovani che puntano a creare opportunità concrete per il territorio”, ha sempre chiarito in modo deciso Rosario Esposito La Rossa, quattro libri all’attivo, a partire “Oltre la neve”, scritto in memoria del cugino Antonio Landieri, vittima innocente della camorra. Nel 2010 nasce Vodisca Teatro che mette insieme una decina di ragazzi delle periferie della città che portano in giro per l’Italia le storie del nostro territorio producendo testi di impegno sociale come lo spettacolo “Lenuccia, una partigiana del sud”,  ispirato alla storia di Maddalena Cerasuolo. Intanto nel 2007 Tommaso Marotta e Anna Cafiero della storica casa editrice credono nel primo libro di Rosario “Al di là della neve”, stringendo un rapporto di affetto e stima con i ragazzi dell’associazione, tanto che, quando decidono di trasferirsi in Francia, regalano la storica realtà editoriale a Rosario che la importa nel territorio con il più alto tasso di analfabetismo in Italia. I libri della nuova Marotta&Cafiero, stampati su carta riciclata, con licenza Creative Commons e bollino “pizzo free”, sono frutto di produzioni dal basso e finanziano progetti sociali. 

Stanchi di avere una sede precaria i ragazzi di Vo.di.Sca hanno acquistato la sede della “Scugnizzeria” nel Parco Prima Casa, via Circumvallazione Esterna 20 A, dove trasferiranno tutte le attività già avviate e ne inizieranno di nuove.  Tra i tanti progetti spicca la Scuola di Recitazione diretta da Maddalena Stornaiuolo: “la nostra sarà una scuola aperta al territorio, una scuola con prezzi popolari, faremo workshop e stage con maestri del teatro italiano. Finalmente abbiamo un luogo dove far crescere la nostra compagnia”. La Scugnizzeria è infatti uno spazio teatrale professionalmente attrezzato. Un luogo dov’è possibile organizzare presentazioni di libri, cineforum, mostre fotografiche. Un centro di formazione per giovani del territorio con wifi gratuito, postazioni pc, teli chroma key per registrare Made in Scampia News – Il Tg delle Buone Notizie, un’area insonorizzata per registrare audiolibri e i podcast di Radio Scugnizzi: 50 mq per imparare, studiare e creare. Corsi di teatro, cinema, scrittura creativa, editoria, illustrazione, fotografia e tanto altro ancora. A Piergiorgio Welby è dedicata una sala della Scugnizzeria, il Laboratorio Artigianale, spazio ancora in costruzione che darà la possibilità a grandi e piccini di sperimentare percorsi di legatoria, cartotecnica, tornitura del legno, manipolazione del cemento, pirografia, riciclo creativo, concrete design e gyotaku. All’interno del laboratorio ci saranno anche tutti i macchinari della Fabbrica dei Pizzini della Legalità, un progetto della casa editrice terrona, siculo-campana Coppola Editore, macchinari che saranno finanziati dalla Fondazione Polis. “Questo è un progetto a lungo termine- continua Rosario Esposito La Rossa, CEO della Marotta&Cafiero - avremo la possibilità di espanderci e dialogare col territorio quotidianamente. Una vera rivoluzione culturale per Scampia e Melito”. La sala denominata la Timoniera già ospita da diversi mesi una vera e propria redazione editoriale. Una stanza dove si progettano libri dalla A alla Z, libri ecologici, libri d’impegno civile e sociale. La Scugnizzeria inoltre ospiterà l’Ospedale dei Libri, un laboratorio di restauro di libri per l’infanzia. Un luogo dove si riparano i libri, si aggiustano le storie. Un orfanotrofio per volumi destinati al macero. Con colla, forbici, cotone e tanta pazienza verranno salvati i libri dalla spazzatura. La Scugnizzeria sarà anche uno Scoglio Ecologico, un centro di raccolta di oli esausti, pile, toner, lampadine e medicinali scaduti. La Scugnizzeria è facilmente raggiungibile da Melito e da Scampia, ma per i ragazzi più distanti, Vo.di.Sca ha in previsione di organizzare una navetta. Intanto sono già aperte le iscrizioni ai corsi di teatro. “Vogliamo che la Scugnizzeria diventi un punto di riferimento per i giovani di Melito e di Scapia, vogliamo invertire il flusso e far venire le persone in periferia, incrementando lo spaccio di cultura contro lo spaccio di droga”.

AdG