| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Giovedì 1 Ottobre 2020




Un’Afro Napoli irriconoscibile cade col Poggiomarino

Sconfitta clamorosa e inaspettata per Velotti e compagni che nell’ultima gara del girone di andata perdono per 2-0 in casa della modesta squadra di Teta al termine di una prestazione sottotono e per nulla convincente

Padin tristeUn’Afro-Napoli United irriconoscibile, troppo brutta per essere vera, che non è riuscita ad incidere come avrebbe voluto giocando sottotono e senza molta convinzione. Nella diciassettesima giornata di campionato gli uomini di Ambrosino cedono all’agonismo e alla voglia di vincere del Poggiomarino che si impone per 2-0 grazie alla doppietta di Lucarelli tra la fine del primo tempo e l’inizio della ripresa.

I leoni appaiono troppo molli, poco cattivi, agonisticamente parlando, e lucidi e la compagine di Teta, che non partiva certamente con i favori del pronostico, non ha potuto che ringraziare per questa vittoria clamorosa (la quarta in campionato) centrando punti importanti in ottica salvezza. Al “Sant’Antonio Abate” se i padroni di casa viaggiano sulle ali dell’entusiasmo e giocano la partita della vita l’Afro Napoli invece è solo la copia sbiadita di quella formazione ammirata una settimana fa nella goleada rifilata alla Nuova Napoli Nord.

Le idee dei multietnici non riescono a partorire in campo e l’unico momento di superiorità l’hanno avuta quando hanno sprecato una doppia occasione con Padin sullo 0-0. Di lì in poi sono emersi errori difensivi grossolani sulle azioni dei gol subiti e il costrutto di gioco dei leoni ha assunto le sembianze di un atteggiamento spento, confuso e timido. Bisogna pur attestare altresì che l’Afro Napoli negli ultimi tempi ha cambiato pelle con l’età media che si è abbassata notevolmente con l’innesto di giovani talenti (sul terreno di gioco hanno giocato cinque under) a cui bisogna dare pure il giusto tempo di esprimersi ai migliori livelli. Con questo k.o. (il sesto nel torneo) i biancoverdi (a quota 29 punti) festeggiano il Natale e chiudono l’anno con l’amaro in bocca lasciando punti determinanti per strada in chiave playoff  mentre il Poggiomarino con questo trionfo cerca di uscire dal limbo delle zone più buie della classifica attestandosi al quint’ultimo posto in graduatoria (17 punti). Mister Ambrosino, tecnico dell’Afro Napoli, non cerca alibi dopo la sconfitta dei suoi contro la compagine di Teta: «Non abbiamo giocato bene ed è venuto a mancare l’atteggiamento giusto meritando la sconfitta. Mi assumo tutte le responsabilità. Siamo una squadra giovane ma ciò non vuol dire che non dobbiamo essere ambiziosi».

REAL POGGIOMARINO-AFRO NAPOLI UNITED: 2-0

REAL POGGIOMARINO: Avino, Bello, Lepre, Marigliano, Nunziata, Cangianiello, Savarese, Agnello, De Luca, Mosca (41’st Cipolletta), Lucarelli Cesarano (38’st Tammaro). All. Teta (squalificato).

AFRO NAPOLI UNITED: Lopez Medel, De Giorgi, Velotti, Iannuzzi (41’st Sheriff), Bruno (18’st Di Costanzo), Fernandes, Romano, Tomasin, Pacheco (12’st Agbassa), Nguende (32’st Diop), Padin. All. Ambrosino.

ARBITRO: Matteo di Sala Consilina.

RETI: 28’pt, 8’st Lucarelli.

NOTE: ammoniti Iannuzzi, Nguende, Savarese.

Alessio Bocchetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Notizie

WCT banner
napoliclick
Amicar banner 500

Archivio Napoli Città Sociale