| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube
Giovedì 23 Maggio 2019




Super Dodò, l’Afro Napoli spazza via il Barano

Dodo e De GiorgiSi riparte da dove ci si era fermati, ovvero dalla vittoria. L’Afro Napoli non perde tempo e fa a fettine il Barano surclassandolo sul piano del gioco in un freddo pomeriggio in cui si registra anche un’altra gradita notizia: l’ingresso in campo nei minuti finali del rientrante Vincenzo Gentile, terzino promettente e grande protagonista dell’anno scorso tra le fila dei leoni in Promozione, fermo ai box dal mese di marzo per l’infortunio al crociato.

È finita al Vallefuoco come tutti immaginavano che finisse (3-0) a discapito della terzultima in classifica che si ferma al palo degli undici punti. Un successo importante, il secondo di fila con la porta imbattuta, che conferma il momento positivo della banda di Ambrosino che si colloca al quinto posto (25 punti) in condominio col Gladiator che ha ottenuto un pareggio prezioso, a reti bianche, in casa contro la Frattese. E il dato curioso è che grazie a questi tre punti il club de “Il Che” Gargiulo rosicchia due punti sia ai neroazzurri che alla prima della classe.

I multietnici sono ben messi in campo da mister Ambrosino che si affida al modulo che gli dato sempre maggiori garanzie: il 4-3-3 dove le uniche due sorprese di formazione sono rappresentate da De Giorgi, dirottato sulla fascia destra al posto dell’indisponibile Mario Gargiulo, e Dario Caliendo che prende il posto di Suleman a centrocampo.

Dopo undici minuti di gioco una potenziale occasione per l’Afro Napoli: Babù a ridosso dell’area di rigore serve intelligentemente col tacco Mimmo Olivieri che aggancia e lascia partire un tiro che si stampa alto sopra la traversa. Chi pensava che dopo l’addio di Rinaldi il centrocampo biancoverde fosse un po’ a corto di fosforo si è dovuto ricredere perché il nuovo direttore d’orchestra dei leoni, ex Nola, alla sua prima al Vallefuoco gioca a tutto campo e dà manforte al reparto difensivo abbassandosi quando capitan Velotti guadagna metri in avanti per impostare il gioco. Al 12’ sugli sviluppi di un’azione in contropiede Sogno effettua un passaggio filtrante per Babù il cui tiro da buona posizione però è impreciso. Il Barano avrebbe l’occasione clamorosa per portarsi sull’1-0 al 35’ se non fosse che Pistola, imbeccato da Arcamone A. in area, calibra male il suo tiro che è strozzato e non si insacca per una questione di centimetri. Barano chiama, Afro Napoli risponde (e subito): non passa nemmeno un giro di lancette di orologio e Babù dall’out di destra disegna una traiettoria precisa per Sogno che calcia al volo ma è fuori e qualcuno dagli spalti già stava per esultare perché ingannato dall’effetto ottico della palla che dava l’impressione che fosse entrata. Tenta la fortuna anche Marigliano che ci prova con un tiro velenoso a fin di palo ma si resta sempre in parità. Al minuto 42’ la svolta: sciabolata dalle retrovie di Olivieri alla ricerca degli attaccanti dell’Afro Napoli ma sulla palla si avventa Chiariello che svirgola malamente regalando palla a Sogno che tutto solo deposita in rete con un piattone che beffa Di Chiara il quale era fuori dai pali. Si torna negli spogliatoi col punteggio di 1-0 per gli uomini di mister Ambrosino.

In avvio di ripresa i leoni sono volenterosi ad attaccare con l’obiettivo di aggiornare positivamente la storia di questo match segnando il secondo gol di giornata: con la coda dell’occhio Babù, dall’out di destra, avvia la connessione Bluetooth con Dodò che riceve la sfera dopo un lancio lungo: il talento capoverdiano stoppa la palla di petto (con Errichiello che clamorosamente va fuori tempo), la controlla alla perfezione e calcia di potenza con Di Chiara battuto che non si può opporre. È il 2-0. L’Afro Napoli ha le sue buone chance per incrementare lo score e al 14’ “D7” viene proiettato in porta su un assist al bacio dell’onnipresente Babù e incrocia come un bomber di razza nell’angolino più lontano con l’estremo difensore avversario che non ha scampo. Dopo il tris il Barano alza definitivamente bandiera bianca con l’Afro Napoli che gestisce. I biancoverdi sprecano la palla del 4-0: Dodò si fa vedere con un bel diagonale rasoterra che però esce fuori di poco a lato.

Da segnalare un fallo abbastanza vistoso di Errichiello su De Giorgi in area di rigore al 22’ della seconda frazione di gioco ma l’arbitro a sorpresa non concede il penalty e per giunta ammonisce il numero 15 biancoverde per simulazione.

AFRO NAPOLI UNITED-BARANO: 3-0

AFRO NAPOLI UNITED: Riccio, De Giorgi (43’st Conteh), Velotti, De Fenza, Liguoro (39’st Gentile), Olivieri, Caliendo (35’st Filogamo), Marigliano, Babù (30’st Redjehimi), Sogno (45’st De Rosa), Dodò. All. Ambrosino.

BARANO: Di Chiara, Errichiello, Pistola, Conte (25’st Cuomo C.), Chiariello, Di Costanzo, Cirelli (36’st Cuomo R.), Scritturale (9’st Pistone), Arcamone A. (15’st Matarese), Arcamone G., Montanino (15’st D’Antonio). All. Di Meglio.

ARBITRO: Franza di Nocera Inferiore.

RETI: 42’pt Sogno, 7’st, 14’st Dodò.

NOTE: ammoniti Arcamone G., Babù, Liguoro, De Giorgi.

Alessio Bocchetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA