| SEGUICI SU seguici su Facebook seguici su Twitter youtube

Doppietta di Arcobelli e l’Afro vola

amaoreDopo la manita contro il Poggiomarino arriva un’altra vittoria dell’Afro Napoli, questa volta in trasferta: la banda di Ambrosino sbanca lo stadio Giraud di Torre Annunziata battendo la Pompeiana con la doppietta di bomber Arcobelli 

 I leoni nel primo tempo premono forte sull’acceleratore e dominano sebbene Dodò sprechi il calcio di rigore a pochi minuti dall’intervallo che avrebbe spento sin da subito le velleità dei padroni di casa e messo in cassaforte il risultato. La capolista ha vinto per la sua maggiore maturità e per quel cinismo che contraddistingue le squadre di rango. Nella ripresa la Pompeiana pressa i portatori di palla dell’Afro cercando di attaccare tutti gli spazi ma il suo costrutto di gioco è sterile e non c’è nessuna azione pericolosa degna di nota. Esimio protagonista del match per i biancoverdi è proprio Arcobelli, il classico ariete d’area di rigore che con una prestazione incisiva ribadisce ancora una volta, per chi se lo fosse dimenticato, che le sue qualità di finalizzatore non si possono certamente mettere in discussione. «Siamo passati – afferma mister Ambrosino – subito da un presunto 0-3 all’1-2 facendo prendere coraggio ai nostri avversari. Dobbiamo entrare nell’ottica che questo campionato è difficile, nulla è scontato e non dobbiamo mai peccare di presunzione. C’è sempre da lavorare e migliorarsi e noi guardiamo al futuro con ottimismo».

POMPEIANA-AFRO NAPOLI UNITED:1-2

A.S.D. POMPEIANA 1929: De Gennaro, Oliva, Colantuono, Pallonetto, Di Capua, Cirillo G. (5’st Morano), Izzo, Carnevale, Granato, Cinque (42’st Gessosi), Salvato (13’pt Contieri). All. Esposito.

AFRO NAPOLI UNITED: D’Errico, Gargiulo, Velotti, De Fenza, Gentile, Rinaldi, Marigliano F., Suleman, Dos Santos Soares (32’st Jatta), De Oliveira Anderson, Arcobelli (25’st Redjehimi). All. Ambrosino.

ARBITRO: D’Andria di Nocera Inferiore.

RETI: 6’pt Arcobelli, 18’pt Arcobelli, 44’pt Pallonetto.

NOTE: Ammoniti Rinaldi, Suleman, Gargiulo, Granato.

Alessio Bocchetti 

© RIPRODUZIONE RISERVATA